Tabacco, accordo Coldiretti Philip Morris per rilancio comparto agricolo

“E’ stato presentato al ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Giancarlo Galan, e al sottosegretario del Ministero dell’Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, l’accordo per la stagione tabacchicola 2010, raggiunto tra Coldiretti e Philip Morris Italia, che si farà carico di una significativa maggiorazione del prezzo commerciale da corrispondere agli agricoltori, tale da garantire la sostenibilità economica della coltivazione”. E’ quanto afferma un comunicato.

L’intesa in questione è soltanto l’inizio di una più ampia collaborazione negli anni futuri tra Coldiretti e Philip Morris, che avrà lo scopo di razionalizzare il percorso del prodotto all’interno della filiera, massimizzare la qualità della coltivazione del tabacco in Italia, incrementarne la competitività a livello internazionale, ridurre le intermediazioni e creare un valore aggiunto per gli agricoltori. Campania, Umbria e Veneto sono le regioni dove si concentra maggiormente la coltivazione del tabacco (94%), il restante in Toscana e Lazio.

“Assicuro il mio impegno – ha dichiarato Giancarlo Galan – affinché venga attivato un tavolo interministeriale con i Ministeri della Salute, dello Sviluppo Economico, dell’Economia e Finanze e delle Politiche Comunitarie, perché vengano messi in atto e rinnovati strumenti finalizzati a dare la necessaria stabilità alla filiera del tabacco e, quindi, prospettive future a una delle coltivazioni che è parte integrante della tradizione agricola italiana”.

Al termine dell’incontro, anche Marco Mariotti, amministratore delegato e presidente di Philip Morris Italia, ha voluto commentare l’accordo con Coldiretti. “Tutto ciò – ha detto – vuole essere uno strumento di sostegno in quest’anno di transizione e sottolinea l’impegno di Philip Morris Italia nello sviluppo di politiche di ampio respiro, per il rilancio del comparto agricolo nella direzione di una rinnovata centralità del mercato italiano. La nostra Azienda – ha aggiunto – è impegnata da decenni al fianco degli agricoltori italiani per garantire la sostenibilità delle coltivazioni nel nostro Paese. Ne è testimonianza il Verbale di Intesa con il Ministero delle Politiche Agricole, che in questi giorni ha celebrato il suo quinto anniversario”.

Mauro Sedda