Vip: più di 400 nomi nella lista di Diego Anemone

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:22

La lunga lista di Diego Anemone (foto), il costruttore rilasciato alcuni giorni fa dopo la custodia cautelare del “boss della banda delle emergenze“, è un elenco di oltre 400 nomi di tutti i beneficiari degli interventi edili di ristrutturazione e ricostruzione fatti sul territorio nazionale.

Nella lista Anemone non compaiono solo i nomi dell’ex-ministro Claudio Scajola, dimessosi dopo lo scandalo per la casa con vista Colosseo; ma anche altri importanti personaggi del mondo dello Spettacolo e della Politica Italiana.

Nel mirino della Guardia di Finanza ci sono infatti i nomi dei beneficiari per la realizzazione della residenza privata del premier Silvio Berlusconi di Roma, ossia Palazzo Grazioli; ma anche le case di Guido Bertolaso (due nella Capitale) e alcuni uffici della Protezione Civile.

La lista di Anemone rischia di diventare più famosa della Schindler’s List con il suo elenco di circa 412, secondo le indiscrezioni, nomi di Vip e personaggi di spicco del nostro Paese.

L’elenco è stato sequestrato dai registri della Società romana dell’imprenditore Anemone il 14 ottobre del 2008. Per tutti questi mesi le carte sono state in mano dalla Guardia di Finanza ma solo in questi giorni vengono a galla, dopo le indagini della procura di Firenze e di Perugia sugli appalti delle “grandi opere“.

Le figure di Angelo Balducci, Mauro Della Giovampaola e di Fabio De Santis non sarebbero difatti estranee al giro di appalti e finanziamenti pubblici che vedono Diego Anemone implicato.

La lista dei lavori effettuati dalla Ditta Anemone, sotto sequestro dalla Guardia di Finanza, rivela molti nomi di Vip a noi noti. Tuttavia il nome che più colpisce è quello di Guido Bertolaso, chiamato in causa per gli appalti de L’Aquila e citato nel film documentario di Sabina Guzzanti, “Draquila, L’Italia che trema“.

Dal libro mastro Anemome risulterebbe che la moglie di Bertolaso era in stretti rapporti con l’imprenditore sotto accusa, perché era stata incaricata di “ridisegnare il verde del Salaria Sport Village” incassando 25 mila euro per la sola progettazione.

L’amicizia di Bertolaso e Anemone, rafforzata dai lavori di manutensione e ristrutturazione delle sue case di Roma, risale al lontano 2004 quando il costruttore era stato chiamato per sistemare gli uffici della Proteione Civile. In attesa ulteriori sviluppi della vicenda.

Valentina Ierrobino

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!