Pagelle Siena-Inter: nerazzurri campioni d’Italia grazie a Milito


SIENA

Curci 7 – Para quasi tutto, già quasi, a parte il gol scudetto di Milito

Rosi 6,5 – Una buonissima partita la sua: difende con grinta e si proietta anche in avanti

Cribari 5 – E’ in confusione, rischia anche l’autogol (Brandao 6 – Fa il suo compito per limitare gli attaccanti nerazzurri)

Terzi 6 – Non è facile contro Milito e Co. ma porta a casa la sufficienza

Del Grosso 6,5 – Buona prova difensiva: tiene a bada Eto’o

Codrea 6 – Anche lui mette tanta grinta e impegno, basta per la sufficienza (Reginaldo sv)

Jajalo 6,5 – Quando può spinge e mette in difficoltà Zanetti

Vergassola 5,5 – Troppe imprecisioni nell’impostare il gioco

Ekdal 6 – Una partita di contenimento la sua, ha una ghiotta occasione per il vantaggio ma non la sfrutta a
dovere

Ghezzal 6 – Gara di sacrificio anche per lui, l’impegno c’è

Maccarone 6 – Si muove molto, ma non conclude quasi mai verso la porta avversaria (Calaiò 5 – Non si è visto per niente in campo)

INTER

Julio Cesar 5,5 – Una disattenzione all’ 88′ che poteva costare cara. Per il resto pochi interventi

Maicon 6,5 – La solita spinta continua sulla fascia destra. Infaticabile

Materazzi 6,5 – Una partita da difensore attento e esperto qual è

Samuel 6,5 – Attento come sempre

Zanetti 7 – Tante sgroppate sulla fascia, una di queste porterà al gol di Milito

Thiago Motta 6 – Buona partita in fase di copertura, poteva fare di più in costruzione (Pandev 6,5 – Dà una spinta non di poco conto all’attacco nerazzurro)

Cambiasso 7 – Pressing asfissiante in mezzo al campo e solita intelligenza tattica

Balotelli 7 – Si destreggis bene sulla fascia e solo la traversa gli nega un grandissimo gol (Stankovic 6,5 – Il serbo non è il tipo che si tira indietro. Tanta corsa, ottimi inserimenti e una traversa con una gran conclusione)

Sneijder 7 – Anche nell’ultima giornata, l’olandese mette a disposizione della squadra la sua immensa qualità (Chivu sv)

Eto’o 6,5 – Si vede poco sotto porta, ma è sempre una spina nel fianco delle difese avversarie

Milito 8 – Il gol che vale lo scudetto non poteva che essere siglato dall’argentino. Le sue lacrime a fine partita fanno capire quanto ci teneva a vincere il suo primo scudetto. Eto’o dice di lui: “Se come giocatore vale 10, come uomo vale 15” ma oggi Milito vale 18…

Miro Santoro