La Pupa e il secchione, Elena Morali piange l’ eliminazione di Ludovica Leoni

Da un’ atmosfera tagliente e attaccabrighe che si è respirata per diversi giorni nella villa di Tivoli, alle calde lacrime condite da sofferenza forse eccessiva, andate di scena nel corso della quinta puntata del comedy show “La Pupa e il Secchione 2“, condotto da Paola Barale ed Enrico Papi.

“La prova del Vulcano” ha sancito l’ eliminazione della coppia formata da Ludovica Leoni e Andrea Corteggi, rinominati simpaticamente “l’ hostess” e “l’ uomo lupo”.

Alla notizia della loro esclusione definitiva, Miss Ciclismo 2008 Elena Morali, assalita dalla malinconia è scoppiata in un pianto mediatico, probabilmente sincero, che manifestava il suo dolore e la sua rabbia nel non poter più avere accanto la compagna di tante avventure.

“Ho instaurato una bella amicizia con Ludovica e penso che sia una delle più belle persone che io abbia mai conosciuto. È una donna, ha tutti i valori che una donna deve avere”.

Le parole di tributo hanno mosso a commozione anche Ludovica, che si è avvicinata ed ha abbracciato Elena; il conduttore Enrico Papi, con l’ intento di stemperare gli animi e portare il tutto in una dimensione reale, accantonando l’ aria funerea che si era impossessata dello studio televisivo, ha insinuato se il motivo delle lacrime fosse, non tanto la perdita di Ludovica, quanto la sgradita presenza ancora in gioco dell’ eterna rivale, la napoletana Pasqualina Sanna.

Elena e Pasqualina, in effetti sono state protagoniste di accesi dibattiti e diatribe nati sopratutto a causa delle continue provocazioni verbali che la vulcanica napoletana ha riservato a lei e a tutte le altre pupe. Non poteva restare fuori dal coro l’ opinione di Pasqualina, sempre avvelenata nei suoi interventi, che ha minimizzato il pianto di Elena:
“Le mancherà un’ amica per inciuciare, per venirmi contro”.

Poi, in modo sarcastico ma assolutamente calzante, Papi ha voluto chiudere la parentesi con una perla di rara saggezza e dall’ immediata efficacia: “Ragazze se potesse accoltellarvi l’ una con l’ altra per vincere lo fareste. Piantatela”.

Gionata Cerchiara