La Pupa e il secchione, Pasqualina Sanna: “Non sono una vergine mantenuta”

E’ una tra le pupe più in vista che affollano la location del comedy show “La Pupa e il Secchione 2“, la splendida tenuta in quel di Tivoli e con cadenza quotidiana non lesina battute e comportamenti dissacranti, offensivi e provocatori nei confronti delle sue colleghe, incentrando tutta l’ attenzione su di sè.

Stiamo parlando dell’ audace Pasqualina Sanna, protagonista dello spettacolo, prima affiancata al malcapitato Luca Tassinari, portato allo sfinimento e alla perenne eccitazione sessuale dalla sexy pupa, ora in coppia con Fulvio De Giovanni, anche se la Sanna sta chiedendo a gran voce di voler tornare a stuzzicare il suo “primo amore”.

Di fresca memoria, è l’ acceso alterco che ha intrattenuto con Miss Ciclismo 2008, Elena Morali quando ha avanzato la richiesta ufficiale di voler abitare e dormire in una camera più capiente con un letto più accogliente e comodo e, puta caso, aveva intenzione di appropriarsi della stanza di Elena che, però non ha ceduto di un millimetro e si è difesa a spada tratta.

Non sazia della burrasca che ha scatenato al programma, Pasqualina ha diluito con consapevolezza la crema anti-cellulite di Francesca Cipriani, un gesto non digerito dall’ ex gieffina e super rifatta ragazza abbruzzese che ha ceduto in un pianto copioso e singhiozzante, minacciando anche di abbandonare il programma.

Insomma siamo giunti al punto che le pupe sembrano dire, parlando della Sanna, “O noi, o lei“, un aut aut che non ammette repliche, ma che programma sarebbe senza l’ indole piccante della napoletana, ci chiediamo.

Ora è la stessa Pasqualina a difendersi da un attacco trasversale, scagliato dall’ odiata Morali che non crede nella sua tanto millantata verginità sessuale e l’ ha accusata di essere una povera mantenuta, senza volontà di trovarsi un lavoro che possa sostenerla.

Un’ offesa troppo tagliente per la Sanna che, a “Domenica Cinque” ha ribadito di voler tenere per sè i fatti privati e l’ astinenza sessuale, piuttosto che una vita caratterizzata dalla dissipatezza e promiscuità sono esclusivamente affari suoi:

“Io non ho mai detto di essere vergine. Semplicemente non ho fornito particolari. Mi è stato chiesto di raccontare a quando risale il mio ultimo incontro sessuale ed io mi sono limitata a rispondere che è sbagliato dare per scontato che io abbia già fatto sesso. Non ammetto né smentisco. Sono affari miei”.

Gionata Cerchiara