Uomini e Donne, Tina Cipollari: “Ramona Amodeo non sa cosa vuole”

Tina Cipollari, personaggio storico di “Uomini e Donne”, a cui gli appassionati del programma sono legati da tempo, soprattutto per la sua simpatia, la coerenza e la schiettezza nel dire esattamente quello che pensa, in un’intervista al settimanale Eva, esprime il suo parere su Ramona Amodeo, Rajaa Afroud e gli altri protagonisti. La biondissima ex corteggiatrice ed ex tronista, forse, in base alla sua datata esperienza, ha anche una marcia in più nel capire in poche puntate i veri volti dei tronisti che uno dietro l’altro si susseguono.

Tina sottolinea quanto sia importante per lei la sua partecipazione a “Uomini e Donne”, sente quello studio come fosse casa sua, soprattutto dopo il periodo di assenza per gli impegni di mamma; ma allo stesso tempo racconta la sua delusione per Federico D’Aguanno: “Maria de Filippi aveva posto tanta fiducia in lui ed anche a me non dispiaceva affatto, per non parlare del pubblico che lo ha acclamato dal primo momento. Ma evidentemente ci siamo sbagliati un po’ tutti.  Io non sono intoccabile, però, lui mi ha trattato proprio male. Per non parlare dello zampino dello zio…”.

La Cipollari parla anche di un altro episodio che l’ha colpita, riguardo alla bella Rajaa Afroud: “Sono rimasta molto sorpresa dal fatto che quel signore, il suo presunto amante, sia venuto in trasmissione. Non mi sono sorpresa del fatto che Rajaa possa aver  avuto un amante, sono cose che accadono. Mi ha seccato, però, che quest’uomo, che poi è anche uno di una certa età e di un certo riguardo, sia venuto in tv ad infangare questa ragazza. Come donna mi sono sentita offesa e sono andata in difesa di Rajaa”.

Mentre dell’attuale tronista Ramona Amodeo dice: “Ramona è carina, non c’è dubbio, però è troppo volubile, è insicura, secondo me non sa quello che vuole”.

Infine, alla domanda se uno dei suoi figli in futuro partecipasse come tronista a “U&D” risponde: “Non sarei affatto contraria. Ma cosa fanno di male questi corteggiatori e questi tronisti? Non trovo nulla di peccaminoso nel loro comportamento. Poi, se un ragazzo è intelligente rimane intelligente, se è uno sciocco… tale resta”.