Crisi, Barroso critica politici degli stati membri: “Per alcuni quando una legge va male è sempre colpa dell’Ue”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06

Secondo il presidente della Commissione europea, Josè Manuel Barroso, certi politici degli stati membri dell’Ue scaricano spesso su quest’ultima la responsabilità per l’adozione di politiche di rigore, che risultano poco gradite ai cittadini. E’ questa la, neanche tanto velata, critica del politico portoghese, interpellato da un giornalista in riferimento alla riforma Gelmini. Il tutto durante la conferenza stampa che ha chiuso i lavori, presso l’Istituto degli Innocenti di Firenze, della biennale del Comitato economico e sociale europeo, organizzata insieme alla Regione Toscana e dedicata al tema ‘L’educazione per combattere l’esclusione sociale’.

Secondo lo stesso presidente della Commissione europea, infatti, “l’Unione europea si limita a fornire indirizzi generali, senza entrare nel merito delle risposte concrete da adottare, che rimangono di competenza dei singoli stati”. Barroso, già primo ministro del Portogallo dal 6 aprile 2002 fino al 29 giugno 2004, alla guida di una coalizione di centro-destra, ha poi dribblato qualsiasi domanda riguardante i provvedimenti adottati dai singoli governi, rifiutandosi di rilasciare qualsiasi commento al proposito. “Alcuni politici degli stati membri – ha però dichiarato – quando una legge va bene dicono che è merito loro, quando va male dicono che è imposta da Bruxelles”.

Barroso ha preso come esempio le politiche di austerità, “queste per alcuni politici degli stati membri sono colpa di Bruxelles”. L’ex premier del Portogallo ha voluto, invece, chiarire che le politiche in questione “non sono imposte da Bruxelles, ma sono decisioni dei governi. Gli obiettivi sono stabiliti insieme, ma la risposta concreta in ogni singolo settore spetta ai governi nazionali. Non diamo colpa all’Europa – ha concluso – per cose che non sono di sua responsabilità”.

Mauro Sedda

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!