Oggi al cinema: ‘Sex and the city 2’

Tornano i vestiti griffati, le borse scintillanti e le scarpe alla moda. A 12 anni dal primo episodio e 2 anni dopo il primo film, venerdì 28 maggio uscirà nelle sale cinematografiche Sex and the city 2, diretto da Michael Patrick King e distribuito da Warner Bros. Le scatenate protagoniste alla faccia dell’età continuano a sbizzarrirsi nella loro vita sfrenata, fra lussi di ogni genere e quant’altro possa loro far dimenticare i rispettivi problemi.

Carrie (Sarah Jessica Parker), Samanta (Kim Cattrall), Miranda (Cynthia Nixon) e Charlotte (Kristin Davis) sfoggiano in questo secondo capitolo cinematografico una sfilata di marchi e capi di moda che, per un totale di sette milioni di dollari, proprio non sembrano farsi impaurire dalla crisi. 34mila dollari di abiti Chanel, 2.800 dollari per un paio di jeans vintage che Carrie indossa in una sola scena, il Roland Mouret Brise Noire da mille dollari sfoggiato da Miranda, il vestito di Samantha rosso che vale oltre tremila dollari o quello argentato di Matthew Williamson che va oltre i 2.500.

Gli anni sono passati e le quattro amiche continuano ad avere ognuna i suoi problemi. Carrie si sente un po’ chiusa nel suo matrimonio con Mr.Big, Charlotte realizza di non essere una madre proprio perfetta, Miranda ha problemi sul lavoro e Samantha, di nuovo single, è alla spasmodica ricerca di un uomo. E allora cosa c’è di meglio se non una bella vacanza di sole donne? Nel primo film è stato il Messico la via di fuga, ora invece si va negli Emirati Arabi, ad Abu Dhabi, dove regna il mondo dell’eccesso ma anche dove gli abiti succinti delle quattro donne non passano inosservati.

Le quattro inseparabili amiche dovranno affrontare così anche questa nuova avventura. Sarah Jessica Parker ad un magazine ha dichiarato: “Riparleremo di un possibile terzo capitolo solo dopo aver visto l’accoglienza del pubblico sul secondo” e considerato il successo del primo film anche stavolta le premesse sono delle migliori.

Chiara Simonelli, docente associato di psicologia dello sviluppo sessuale e affettivo all’università Sapienza di Roma, consiglia per Sex and the city 2 una visione “al femminile: questo film per le donne come il calcetto per lui” poi continua spiegando il segreto del successo della serie e dice: “Quattro protagoniste che incarnano quattro modelli diversi di donna moderna, con ironia e intelligenza. E permettono di scegliere quella più vicina a sè, senza costringere le spettatrici a identificarsi con un’unica, sia pur simpatica, protagonista. Ci sono quattro personaggi icona di quattro modi di essere donna – prosegue la Simonelli -. Sex and the City è un prodotto geniale che offre uno spaccato di vita vicino alla realtà delle donne di oggi, dai 30 anni in poi. Il tutto condito da molta ironia, anche nella visione del sesso e del rapporto con gli uomini”.

Andrea Camillo