Marco Carta: “mi stavo perdendo”

Per Marco Carta, il vincitore della settima edizione di “Amici”, è appena iniziato un nuovo periodo d’oro, il suo secondo disco “Il cuore muove” è già un successo dopo pochissimi giorni dalla sua uscita, continua, dunque, ad essere tra i giovani cantanti più amati dal pubblico; ma non tutto è sempre come appare, perché in un’intervista a Il Tempo il cantante sardo rivela di aver passato un periodo davvero difficile.

La crisi vissuta da Marco gli ha procurato un bel po’ di sofferenza, ed è stato il sostegno dei suoi fan e dell’amata musica a riportarlo a sorridere: “Sono stati mesi difficile. Non sapevo più cosa volevo dalla vita. Stavo perdendo di vista chi era il vero Marco”.

Dopo la vittoria ad “Amici”, l’esperienza ancora più forte del festival di Sanremo e l’enorme successo improvviso, tra concerti, folle che impazzivano per vederlo anche un solo istante, di Marco per qualche mese non si è sentito più parlare, e non solo perché stava preparando il suo nuovo lavoro. Con la limpidezza che contraddistingue un’artista in continua crescita come lui, racconta il motivo delle sua crisi: “Il successo rapido. Da un giorno all’altro ho avuto una grande popolarità, per nulla facile da gestire… mi mancava la normalità: stare a casa, svegliarmi e fare colazione. Tutte cose elementari che non riuscivo a fare. Dopo un periodo di riflessione mi sento più consapevole e più grande”.

Adesso Marco è sereno e soddisfatto del suo nuovo lavoro, così come è “fiero di essere stato scoperto in un talent show”, a cui non attribuisce nessuna colpa del suo brutto periodo: “Gli stessi problemi possono capitare anche a chi non partecipa a un talent show. E’ il prezzo da pagare”.

Un’ulteriore conferma della sua attuale serenità la mostra rispondendo alla domanda se lui prima o poi sarà anche autore dei suoi brani: “A dire la verità lo sono già diventato, almeno in parte. Il brano di James Morrison, Quello che dai, l’ho riadattato io in italiano. Insomma, la mia nuova vita è già iniziata”.