Mondiali, Juan: “Dobbiamo portare il Brasile sul tetto del Mondo”

Il difensore della Seleçao e della Roma Juan

Ogni quattro anni c’è un Mondiale di Calcio, e come prima squadra favorita tutti quanti mettono il Brasile, che da sempre riesce a coniugare tanto bel calcio con una buona organizzazione di gioco. Una ricetta che Dunga è riuscito a perfezionare nel corso di questi ultimi anni da Ct della Seleçao, e che ha ricevuto anche il bene placito di Louis Van Gaal, che alla stampa olandese e tedesca ha dichiarato che “La prossima Coppa del Mondo andrà di sicuro ai verdeoro“.

Ma l’allenatore olandese non è il solo a credere nel trionfo del Brasile a Sud Africa 2010. Anche il difensore Juan è molto convinto di vincere la Coppa del Mondo nel paese di Nelson Mandela, e in una intervista rilasciata ad alcuni giornalisti brasiliani non ha usato giri di parole per affermarlo. Per Juan infatti “Chi indossa la maglia della Seleçao ha una grande responsabilità addosso. La nostra è quella di prepararci bene, per portare il Brasile sul tetto del Mondo“.

Il difensore della Roma ha poi parlato con la stampa dei brasiliani esclusi dai 23 scelti da Dunga, e di alcuni suoi compagni di Club che vedranno il Mondiale da casa, tra cui Totti e Toni. Sui suoi connazionali esclusi Juan ha detto di essere “Un pò dispiaciuto, perchè sono tantissimi i giocatori di talento che meriterebbero di giocare il Mondiale. Tuttavia le scelte le fa il tecnico, che in questi anni non ha mai sbagliato niente e che ci ha anche fatto vincere tanto“. Sulle esclusioni di Toni e Totti dai convocati di Lippi il brasiliano della Roma ha invece detto che “Come compagno di squadra dispiace che non potranno giocare due grandi campioni del loro calibro, ma da avversario sono più contento: avremo di sicuro due pensieri in meno da affrontare nel corso del torneo“.

Ieri intanto in casa verdeoro sono arrivate delle buone notizie da parte di Kaka. Il campione del Real Madrid si è finalmente allenato dopo sei settimane di stop per la pubalgia, che lo ha frenato per gran parte della stagione che l’ex-milanista ha giocato nelle Merengues. La sgambata è avvenuta a Curitiba, nel campo dell’Atletico Paranaense. Subito dopo l’allenamento Kaka ha raggiunto il resto della squadra a Brasilia, dove ci sarà l’incontro con Lula prima della partenza per il Sud Africa. Nel paese africano i verdeoro dovrebbero arrivare domani, e sperano di rimanerci fino all’11 luglio, giorno in cui si giocherà la Finale della Coppa del Mondo.

Simone Lo Iacono