Gary Coleman: “Arnold” è in condizioni critiche

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:39

Un’altra sventura per il protagonista de “Il mio amico Arnold”, situation comedy statunitense trasmessa in Italia negli anni Ottanta, ma recentemente riproposta.

Gary Coleman non sta attraversando un bel periodo: l’ormai quarantaduenne ha già avuto problemi di salute in passato. E’ nato con una malattia congenita ai reni che gli ha bloccato la crescita in giovane età; ha subito un trapianto giovanissimo e da allora si sottopone a dialisi.

Nel 2006 è stato colpito da un malore mentre si trovava sul set del telefilm “The Insider”; nel 2007 si è sposato, ma dopo otto mesi ha deciso di divorziare. Ha avuto anche problemi giudiziari: è stato arrestato la prima volta nel 2008 per avere tentato di investire una persona in un parcheggio e l’anno dopo per violenze domestiche.

Adesso, a buttare benzina sul fuoco che infiamma le voci sulla maledizione legata a quella serie tv, Coleman è stato ricoverato in ospedale in condizioni critiche: il sito ‘Tmz‘ ha rilasciato la notizia secondo cui l’attore ha riportato una ferita alla testa dopo una caduta. Già nei mesi scorsi era stato due volte in ospedale per malori e non si esclude, ma non è stato confermato, che la caduta possa essere dovuta a una perdita dei sensi.

Solo qualche giorno fa, precisamente il 6 maggio 2010, un altro lutto aveva colpito il cast della sit-com: il figlio di Dana Plato, conosciuta per aver interpretato il ruolo di Kimberly Drummond, la sorella di Arnold, Tyler Lambert, è morto suicida sparandosi. Il giorno in cui è avvenuta la morte la dice lunga sulle motivazioni del gesto: l’8 maggio, infatti, sarebbe stato l’anniversario della morte della madre, suicidatasi anche lei nel 1999 all’età di trentaquattro anni. Il ragazzo venticinquenne, probabilmente, non ha mai superato il dolore per la scomparsa della madre e faceva anche lui uso di droghe e di alcol.

Antonella Gullotti

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!