Erba: venduto all’asta il camper dei Romano

Milano, 29 maggio. Il camper di Olindo Romando e Rosa Bazzi, i coniugi arrestati per la strage di Erba, è stato venduto all’asta questa mattina. Il mezzo sarebbe stato acquistato da una coppia che, per quanto si sa, dovrebbe essere residente nella zona del Comasco.

La vendita del veicolo, con il quale i coniugi Romani viaggiavano prima di finire in carcere, è avvenuta alla casa delle aste giudiziarie di via Palestro. All’asta, però, c’erano anche altri oggetti della coppia “sanguinaria” tra cui una Seat Arosa. Nell’auto erano state trovate tracce ematiche che i periti hanno ricondotto a Valeria Cherubini, una delle vittime della strage, e al marito Mario Frigerio, unico sopravvissuto alla mattanza di via Diaz. Tuttavia mentre il camper è stato venduto, l’automobile non è stata ancora piazzata.

Il 15 aprile scorso, invece, si è cercato di vendere per la prima volta l’appartamento di proprietà dei coniugi Romano, ma questo tentativo era fallito. Il prezzo base era di 126 mila euro, ma non ci sono state offerte nonostante il perito aveva stabilito un valore di 144 mila euro. Un prossimo tentativo, previsto per il 30 settembre, vedrà un ribasso del 25%. Dunque 91.560 euro sarà il costo dell’appartamento di 62 metri quadri sottostante all’abitazione nel quale viveva  Raffaella Castagna con il figlio.

L’avvocato Schembri ha, però, sbottato: “Se sarà venduta prima della sentenza della Cassazione, vorrà dire che, in caso di assoluzione come auspichiamo, andremo a riprenderci la casa. Quest’asta non si sarebbe dovuta fare prima di una sentenza definitiva”.

Come scrive il Tgcom, a ottenere la vendita all’asta dei beni di proprietà dei due coniugi condannati all’ergastolo in primo e secondo grado, era stato Manuel Gabrielli, avvocato di parte civile per Frigerio, per raccogliere un po’ di soldi per le spese mediche e le cure riabilitative cui ancora oggi l’ex commerciante è sottoposto. Oltre ai due veicoli e all’immobile, tutto sotto sequestro giudiziario penale, Gabrielli aveva ottenuto anche il sequestro del Tfr, circa 3.500 euro, dell’ex spazzino.

Simona Leo