Trasporti: prezzi alti a Caltanissetta, a Roma si spende meno

“Muoversi e viaggiare a Caltanissetta costa l’8,4% in più rispetto al 2009, mentre ad Aosta l’aumento ammonta a meno della metà, appena il 4%. Tra le due città, quindi, ci sono 4,4 punti di tasso di crescita: il maggiore tasso di inflazione del capitolo determina, dunque, su base annua, una maggiore spesa di 192 euro per una famiglia della città siciliana rispetto a una del capoluogo della Valle d’Aosta”. E’ quanto reso noto dalla Confartigianato, che ha calcolato le spese nei trasporti delle famiglie italiane, prendendo in considerazione non solo aerei e treni, ma anche l’acquisto dell’auto, la manutenzione e il carburante.

Secondo l’indagine in questione, ad aprile scorso l’aumento medio nazionale è stato del 5,5% rispetto allo stesso mese del 2009. Si rilevano, però, delle sostanziali differenze tra le varie regioni e città. La regione che denota il maggiore aumento è il Friuli Venezia Giulia (+6,6%), tallonato dalla Sicilia (+6,3%) e dal Piemonte (+6,1%). Per quanto riguarda le province il primato spetta, dunque, a Caltanissetta, con Pordenone in seconda piazza (+7,9%) e Trapani in terza (+7,6%). Occupano, invece, le zone basse della speciale classifica le grandi città: a Roma si spende il 4,1% in più rispetto al 2009 e a Milano il 5,1% in più.

Mauro Sedda