Home Notizie di Calcio e Calciatori

Calciomercato Juventus: Candreva verso la conferma. Se non arriva Pazzini pronto Gomez

CONDIVIDI
Antonio Candreva, per lui ancora un futuro juventino in vista

 

Archiviato l’addio a Cannavaro che si è accasato a Dubai e a Molinaro, riscattato dallo Stoccarda, la Juventus mira adesso alla conferma di Antonio Candreva e continua a sondare il mercato degli attaccanti.

L’asse con l’Udinese- Il club di corso Galilelo Ferraris ha deciso di voler riscattare Antonio Candreva, giocatore che ben ha figurato prima nel Livorno e poi con la Juve nella seconda metà della stagione. Nei prossimi giorni i dirigenti juventini incontreranno quelli friulani per discutere del riscatto del giocatore. In tale incontro si parlerà anche di Simone Pepe, giocatore molto gradito a Delneri per il suo 4-4-2 e che pare essere designato come l’erede di Camoranesi sulla fascia destra.

Pazzi per il “Pazzo”- Come ha recentemente dichiarato l’agente Fifa Vincenzo Morabito a NewNotizie, la vecchia signora vuole portare un altro sampdoriano alla corte degli ex blucerchiati Marotta e Delneri: si tratta del bomber Giampaolo Pazzini, fresco di conferma nei 23 che rappresenteranno l’Italia ai prossimi mondiali in Sudafrica. L’operazione non è semplice, visto che Garrone non vuole smantellare la sua samp in vista dei preliminari di Champions League. In più, visto che l’attaccante doriano giocherà i mondiali, se dovesse sfornare prestazioni di primo livello, il suo prezzo lieviterebbe non di poco. Ecco allora che la dirigenza juventina ha pronto il piano b: si chiama Mario Gomez, attaccante del Bayern e della Germania. Gomez non è contento della sua situazione attuale con i bavaresi, visto il suo utilizzo con il contagocce e la presenza in squadra di Olic e Klose, giocatori che nelle gerarchie delle preferenze di Van Gaal sono più in alto rispetto all’attaccante di origine iberiche. In tale ottica, si potrebbe intavolare una trattativa mettendo sul piatto Amauri, giocatore che piace ai tedeschi, in modo da fare uno scambio alla pari.

Antonio Pellegrino