Tennis, Roland Garros: Nadal strapazza Soderling, è campione per la quinta volta

Forse mai vittoria fu più annunciata. A distanza di due anni dall’ultimo trionfo parigino – targato 2008 – lo spagnolo Rafael Nadal torna ad alzare il trofeo del Roland Garros, seconda prova stagionale del Grande Slam. Per il tennista di Maiorca, 24 anni compiuti tre giorni fa, si tratta del quinto titolo in carriera sulla terra rossa francese.
Sconfiggendo nettamente in finale, con il punteggio di 6-4 6-2 6-4, lo svedese Robin Soderling – testa di serie n. 5, alla sua seconda finale persa consecutiva – Rafa conclude la sua avventura agli Open di Francia 2010 col percorso netto, senza cioè aver perso neanche un set in tutto il torneo, impresa già riuscitagli nell’edizione 2008.

Nella “rivincita” dell’incontro andato in scena l’anno scorso agli ottavi di finale, quando lo scandinavo sorprese Nadal battendolo in 4 set, non c’è stata storia: dopo alcuni game di studio, Soderling perde il servizio al quinto gioco ed è il break che risulterà decisivo per le sorti della prima partita. Uno dei troppi errori dello svedese (21 nel solo primo set, 45 a fine gara) consegna nelle mani di Nadal il 6-4, e il match per il numero 2 del seeding si fa ancor più in discesa.
Soderling non si arrende, cerca di mettere in difficoltà l’avversario con le sue bordate di dritto, ma si trova davanti il solito “muro” difensivo eretto dall’iberico, capace di recuperi quasi impossibili che gli consentono poi di chiudere a proprio favore anche gli scambi in apparenza più difficili. Il 25enne di Tibro non riesce ad essere fulminante neanche al servizio, e Nadal ne approfitta mettendo a segno un parziale di 5 giochi consecutivi.

Il 6-2 patito nel secondo set scoraggia definitivamente il tennista svedese, che grazie ad uno dei suoi numerosissimi e (almeno in questo caso) gravi errori gratuiti consegna a Rafa un altro break già in apertura di terza partita. A Nadal non rimane che controllare senza patemi ciò che resta da giocare in una contesa dall’epilogo ormai scritto: Soderling tenta qualche discesa a rete, alza il ritmo al servizio trovando 4 aces, ma non basta.
Il fuoriclasse di Manacor non cede di un millimetro neanche al momento di servire per il match, e dopo 2 ore e 18 minuti si chiude nel modo più atteso – ma anche più giusto – una stagione sulla terra battuta che ha avuto in Rafael Nadal il proprio dominatore assoluto. Per lo spagnolo è il 5° trionfo negli ultimi 6 anni sui campi del Roland Garros.

Dopo aver vinto e convinto in tutti i tornei disputati sul rosso da aprile ad oggi (Montecarlo, Roma e Madrid), Rafa completa a Parigi una striscia di 22 successi consecutivi sulla terra, stabilendo un nuovo record di 38 vittorie nei 39 incontri da lui disputati in carriera agli Open di Francia. Per il mancino di Manacor, quello odierno è il settimo titolo nelle prove del Grande Slam e il quarantesimo nel circuito ATP.
Non poteva mancare poi la ciliegina sulla torta: come già annunciato nei giorni scorsi, l’affermazione in questo Roland Garros – unita all’eliminazione di Roger Federer ai quarti – permette a Nadal di scavalcare lo svizzero in testa alla classifica mondiale. Federer perde così il numero 1 per la seconda volta, dopo quella seguita alla finale di Wimbledon 2008, riconsegnando il primato al suo grande rivale dopo quasi un anno.

Open di Francia 2010 (montepremi 15.264.500 euro), finale:
Nadal (Spa, 2) b. Soderling (Sve, 5) 6-4 6-2 6-4

Daniele Ciprari