Russell Crowe non è morto! Allarme provocato da una bufala online

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:06

Russell Crowe è morto. Viene annunciata la notizia sconvolgente. Migliaia di fans cadono sotto shock. Sembra impossibile, un brutto scherzo del destino ed invece… si tratta solo di una bufala su internet. Sospiro di sollievo in grado provocare un uragano. Tutte le persone che amano l’attore tornano a sorridere e cercano di riderci su magari volendo anche scoprire cosa sia successo veramente.

La notizia sembrava una delle più attendibili. La news recitava infatti che il noto attore Russell Crowe era morto a causa di una caduta in un dirupo in Austria e precisamente sui monti di Kitzbuhel durante le riprese di una delle scene del suo ultimo film. Un’azione troppo spericolata, la mancanza di una controfigura e l’inevitabile errore umano avevano quindi provocato una rovinosa e fatale caduta dall’altezza di 50 metri. Subito il tam tam. Tutti iniziavano a parlare dell’incidente giovedì mattina negli Usa.

Radio, tv, siti internet di tutto il mondo sono caduti nella trappola. E mentre molti giornalisti si preparavano a mandare in onda il ‘coccodrillo’ su Crowe, lo stesso attore era il primo, dopo aver fatto i dovuti scongiuri, a cercare ogni mezzo per diffondere al  mondo la notizia vera ovvero la sua continua presenza e il suo ottimo stato di salute. Il gladiatore più amato della storia cinematografica sta benissimo e ha dato mandato ai suoi agenti di confermare a tutti quanti che spera di vivere ancora a lungo. La smentita viene postata ovunque persino sul social network Twitter, ma nonostante ciò molti siti e, non solo, continuano a incappare nell’errore.

Crowe però non è la prima vittima. Ahimè altre celebrità sono state dichiarate morte e poi si è scoperto che si trattava di una bufala colossale. Fiato sospeso e poi una grossa risata. Nessuna ulteriore conseguenza ma di certo i primi minuti non devono essere belli per nessuno. Come il gladiatore sono anche stati dati per morti personaggi del calibro di Will Ferrell, Paris Hilton, Britney Spears, Rick Astely, ecc, ecc … . Morti inventate grazie alla facilità con cui la moderna tecnologia rende possibile inventare e far circolare le notizie. Se si vogliono fare le cose in grande ci si può rivolgere anche al sito Fake a Wish ovvero in questo gioco si possono provare le varie notizie e quindi mettere in atto la morte di una qualsiasi celebrità riportando poi la notizia con tanto di commenti di fans, polizia, e passanti.

Vita dura per giornalisti e fans: i primi rischiano di prendere lucciole per lanterne mentre gli ultimi, se sono veramente appassionati e legati al proprio idolo, possono rischiare di passare dallo shock all’infarto.

Che sia grazie anche a queste false notizie che si continua a vociferare sulla presunta falsità della morte di alcuni personaggi di fama planetaria, come ad esempio, Michael Jackson?

Nessuno sa più a cosa credere!

Alessandra Solmi