La medicina supportata dalla robotica

I nuovi dispositivi che vengono in supporto alla medicina sono le attrezzature robotiche, macchinari estremamente precisi e altrettanto costosi.

Nel mondo sono poche migliaia, queste attrezzature, in Italia una cinquantina. Si tratta di macchinari di altissima precisione che supportano i chirurghi durante le loro operazioni, soprattutto quelle più complesse e delicate.

Le attrezzature robotiche di questo genere sono delle più svariate tipologie: sistemi integrati di video ripresa, laser, arti meccanici. Tutti questi supporti rendono più facile la vita dei chirurghi, permettendo loro la realizzazione di interventi altrimenti quasi impossibili.

Un grande aiuto viene dato anche ad interventi che permettono la rimozione di tumori definiti inoperabili, o che presentano un costo molto alto sia dal punto di vista economico sia dal punto di vista fisico, per i forti dolori a cui sono sottoposti i pazienti (in questi casi, le degenze sono sempre particolarmente lunghe e dolorose).

Oltre 400 medici si sono ritrovati a Roma per parlare di queste strumentazioni durante il settimo congresso europeo di chirurgia laparoscopica. Inoltre, i partecipanti avranno la possibilità di assistere ad alcuni degli interventi più complessi realizzati presso la clinica Pio XI di Roma.

Vito Pansadoro, chirurgo urologo e presidente del congresso afferma: “è la prima volta al mondo che un incontro internazionale è stato pensato per portare la laparoscopia e la robotica ai suoi estremi. Sono tutti casi ai limiti dell’operabilità, che solo grazie a chirurghi di altissima levatura sono divenuti possibili. Ormai il 60% degli interventi a livello mondiale eseguiti con il robot Da Vinci riguardano i tumori della prostata; negli Usa sono l`86%, seguiti dalla rimozioni di tumori renali, cistectomie e stenosi delle vie urinarie”.

Naturalmente, ogni robot ha un costo estremamente elevato: circa due milioni di dollari, a cui vanno aggiunti circa 150 mila dollari per la manutenzione annuale. Ma, nonostante questi costi estremamente alti, sono attrezzature necessarie poiché, ad esempio, sono stati risolti casi di restringimenti delle vie urinarie in pazienti che già erano stati operati con i metodi tradizionali ma senza ottenere risultati duraturi.

La possibilità di intervenire in luoghi difficili con risultati a lungo termine evitando un lungo decorso post operatorio estremamente doloroso giustifica, insomma, investimenti estremamente costosi a livello economico.

Andrea Coltro