L’obesità compromette anche il sesso, soprattutto per le donne

L’obesità e il sesso non vanno d’accordo, sopratutto per le donne, che sono vittime di gravidanze non desiderate ed aborti più frequenti, e faticano a trovare un partner. Questo quanto rivela una ricerca dell’Istituto Nazionale per la Salute e Ricerca Medica (INSERM) di Parigi, diretta dalla professoressa Nathalie Bajos e pubblicata dal “British Medical Journal”.

Una ricerca francese ha evidenziato i rischi dell'obesità relativi al sesso

L’equipe ha messo sotto esame i dati di un’indagine sul comportamento sessuale dei francesi, prendendo in esame oltre 10 mila tra uomini e donne (dai 18 ai 69 anni). Durante il lavoro, sono stati esaminati sia il rapporto tra l’indice di massa corporea (Imc) e l’attività sessuale che quello tra l’Imc e la salute sessuale.

Le donne obese (Imc superiore a 30%) avevano il 30% di chance in meno rispetto alle coetanee di aver avuto un partner negli ultimi 12 mesi e inoltre erano meno propense a prendere la pillola e a chiedere suggerimenti sulla contraccezione, esponendosi ad un rischio 4 volte maggiore di gravidanze indesiderate, malattie sessuali ed aborti. Inoltre, i partner di soggetti obesi sono nella maggior parte dei casi “extra-large” anch’essi (con un’associazione più forte nel “sesso debole”).

Gli uomini, da parte loro, trovano anch’essi la stessa difficoltà ad avere una compagna e sono vittime predilette della disfunzione erettile, ossia dell’incapacità a raggiungere o mantenere l’erezione. Per loro, quindi, vengono penalizzate proprio la soddisfazione e il piacere sessuali. Senza dimenticare che l’impotenza è considerata un campanello d’allarme per problemi anche più seri, come malattie cardiovascolari e diabete.

Il grado di soddisfazione di un obeso durante il rapporto sessuale è identico a quello di una persona con peso normale. Tuttavia, il rapporto tra obesità e problemi tra le lenzuola desta preoccupazione tra gli esperti,soprattutto perché gli obesi hanno rapporti poco sicuri (spesso nati via Internet) e consultano meno il medico.

Conclude così la professoressa Bajos: “L’entità del problema, in particolare l’aumento di quattro volte del rischio di gravidanze indesiderate tra le donne obese, merita una maggiore attenzione. Una percentuale considerevole della popolazione è obeso ed è a maggior rischio in relazione alla salute sessuale“.

Adriana Ruggeri