Probabili formazioni Camerun-Danimarca: Eto’o ancora sulla fascia, Bendtner ce la fa

Samuel Eto'o, 29 anni

Partita da dentro o fuori quella di stasera tra Camerun e Danimarca. Dopo essere state entrambe sconfitte nella prima gara del girone, le squadre di Le Guen e Olsen sono obbligate a cercare i tre punti per rientrere in corsa.

La sconfitta contro il Giappone ha lasciato strascichi pesanti all’interno dell’ spogliatoio cameunense. I giocatori più esperti hanno pubblicamente attaccato Le Guen, reo di aver puntato troppo su giocatori giovani ed insperti: “Quello che si è visto nelle ultime partite – ha attaccato Emana, centrocampista del Betis Siviglia –, tanti giocatori giovani messi in squadra a spese di altri più esperti, pensiamo sia sbagliato. Quello che chiediamo all’allenatore è di rivedere la formazione per la sfida contro la Danimarca. I giovani non sono in grado di reggere la pressione di un Mondiale“.

CAMERUN – Nonostante le critiche dei propri giocatori Le Guen sembra comunque intenzionato a riproporre gli stessi undici della gara contro i nipponici. Gli unici dubbi del tecnico francese riguardano il diciottenne Matip, che potrebbe essere rimpiazzato dal centrocampista dell’Arsenal Alexandre Song, e la punta Webò, in ballottaggio con Mandjeck. In quest’ultimo caso Eto’o riprenderebbe il suo posto al centro dell’attacco, altrimenti per lui si prospetta un’altra partita di sacrificio sulla corsia di destra.

Formazione (4-3-3): 16 Souleymanou; 19 Mbia, 3 Nkoulou, 5 Bassong, 2 Assou-Ekotto; 11 Makoun, 21 Matip, 18 Enoh; 9 Eto’o, 15 Webo, 13 Choupo-Moting.
A disposizione: 1 Kameni, 22 Ndy, 4 R.Song, 8 Geremi, 12 Bong, 14 Chedjou, 7 Nguemo, 10 Emana, 6 A.Song, 20 Mandjeck, 17 Idrissou, 23 Aboubakar. All.Le Guen

DANIMARCA – Il c.t. Morten Olsen dovrà fare a meno di Jon Dahl Tomasson e Mikkel Beckmann: i due attaccanti ieri si sono allenati ancora a parte e difficilmente saranno della partita. Buone notizie, invece, da Nicklas Bendtner, che ha recuperato e salvo sorprese sarà regolarmente al suo posto al centro dell’attacco. Dopo la goffa autorete (in compartecipazione con Agger) nella gara d’esordio, Simon Poulsen rischia il posto: al suo posto potrebbe giocare Mtiliga. In mezzo al campo dubbio Enevoldsen-Jensen, con il primo favorito. Davanti confermato il trio d’attacco della gara contro l’Olanda, con Rommedhal e Kahlenberg ai lati di Bendtner.

Formazione (4-3-3): 1 Soerensen; 6 Jacobsen, 3 Kjaer, 4 Agger, 15 S.Poulsen; 20 Enevoldsen, 2 C. Poulsen, 10 Jorgensen; 19 Rommedahl, 11 Bendtner, 12 Kahlenberg.
A disposizione: 16 Andersen, 22 Christiansen, 13 Kroldrup,5 Kvist, 23 Mtiliga, 17 Beckmann, 14 J.Poulsen, 21 Eriksen, 8 Gronkjaer, 7 Jensen, 18 Larsen, 9 Tomasson. All.Olsen

Arbitro: Jorge Larrionda (Uruguay)

Fischio d’inizio alle 20.30 al Loftus Versfeld Stadium di Pretoria. Diretta tv su Rai 1 e SkyMondiale 1.

Pier Francesco Caracciolo