San Raffaele, corso di laurea in Medicina in lingua inglese

Studiare in Italia ma esercitare negli Stati Uniti. Chi non vorrebbe laurearsi in medicina e sperare in un lavoro oltreoceano per realizzarsi meglio e poter vivere un sogno a stelle e strisce.
Adesso è possibile. Don Luigi Verzè, fondatore dell’ospedale e dell’ateneo di via Olgettina, ha presentato il nuovo Corso di laurea magistrale Internazionale in Medicina e Chirurgia dell’Università Vita Salute del San Raffaele. Una novità assoluta che permette agli studenti di abilitarsi in due ambiti: la prima europea e la seconda statunitense in modo da poter essere immediatamente operativi anche in America.
I corsi saranno del tutto in lingua inglese, tenuti da docenti del San Raffaele e da altri provenienti da atenei internazionali e il numero degli ammessi al primo anno è di 40 studenti: 20 dell’Europa comunitaria e 20 extracomunitari.
La nuova offerta formativa affiancherà il tradizionale corso in Medicina e Chirurgia da 112 posti e, come quest’ultimo, durerà 6 anni.
La retta annuale prevista oscillerà tra i 16 e i 20 mila euro, e gli studenti per l’ultimo anno, dai 6 ai 12 mesi, hanno la possibilità di richiedere il pre-residency, necessario per accedere alla specializzazione negli Usa.
Un’innovazione in campo universitario che  crea nuove e grandi aspettative e nuove ambizioni negli studenti che studiano sei anni per coronare il loro sogno nella professione medico-chirurgica. Inoltre, in Italia sarà creato un importante centro dove formare i futuri medici, alla maniera dei paripatetici, sul modello delle antiche scuole filosofiche greche. Per il momento non viene citata alcuna città in particolare e il luogo per adesso è top secret. L’obiettivo di Don Verzè è quello di reclutare i migliori studenti dei cinque continenti per fare entrare nella società dei medici specializzati e completi a livello mondiale. Le informazioni sul nuovo corso sono reperibili sui siti www.unisr.it e www.medicine.unisr.it.

Daniela Ciranni