Cinema, con la crisi si va di più: dati SIAE

 Cinema, con la crisi si va di più: dati SIAE

La relazione della Siae ha evidenziato che con la crisi è aumentata la spesa per gli spettacoli, probabilmente le persone scacciano così la paura, l’ansia e i dispiaceri. C’è stato, secondo il rapporto effettuato, un incremento di spesa del 6,8%. a farla da padroni soprattutto i balli, i concertini, gli intrattenimenti danzanti, ma dove non è solo la musica a fare da filo conduttore alla serata.

Qui le persone possono interagire tra loro, parlare, fare nuove conoscenze o anche solo stare in compagnia e non sentirsi sole. Magari per quelle ore riescono anche a non pensare ai problemi, a sorridere, se non a ridere. Appena dopo viene il cinema con un incremento degli incassi che si attesta attorno al 6,4%, in parte anche grazie al boom dei film 3d, che tra l’altro ha anche fatto lievitare il costo dei biglietti.

I film più visti? L’Era glaciale 3-L’alba dei dinosauri, Harry Potter e il Principe Mezzosangue e al terzo posto Angeli e Demoni. Si piazza la quarto posto il film italiano Natale a Beverly Hills poi seguito da New Moon, secondo film della saga Twilight sui vampiri che ha reso famosi Kristen Steward e Robert Pattinson. I dati raccolti si riferiscono all’anno tra il gennaio 2009 e il febbraio 2010.

Anche i musical hanno preso più piede, gli spettatori sono aumentati. Forse è proprio una legge di natura: quando le cose vanno male le persone sentono la necessità di impegnarsi in qualcosa che le tiri su di morale, le coinvolga e le faccia ridere. Non mancano maggiori introiti anche per i concerti, quello più atteso è degli U2, l’opera all’Arena di Verona, ma anche la lettura prende fiato. Forse l’impossibilità di basare tutto sul consumismo fa scoprire valori un po’ più densi di significato, che arricchiscono non le nostre case o il portafoglio, ma l’anima interiore.