Calciomercato Sampdoria: in serbo i colpi Drenthe e Van der Vaart

A settembre sarà impegnata nei preliminari di Champions League, che potrebbero lanciare la Sampdoria nel gotha del calcio europeo, per questo il presidente Garrone, che da sempre lavora con passione al progetto per una Samp di livello europeo, ora che l’obiettivo può essere concretamente centrato, è disposto al sacrificio economico per regalarsi una stagione di vertice. Obiettivi di lusso dunque quelli del mercato doriano: Rafael Van der Vaart e Royston Drenthe.

Una Samp ‘Galattica’ – L’arrivo di due giocatori di questo calibro farebbe sì che la società blucerchiata potrebbe giocare su tre fronti, quello della Champions, della Coppa Italia e del campionato, ambendo a posizioni di vertice. I buoni rapporti col Real esistono eccome, come testimonia la buona riuscita dell’affare Cassano, per questo motivo si ha la concreta possibilità che i due olandesi giungano davvero a Genova. Per entrambi si parla di prestito con diritto di riscatto, con possibilità per entrambi di giocarsi la Champions League in una piazza che vivrebbe le notti europee con grande partecipazione, smaniosa com’è di regalarsi emozioni che da queste parti non si vedono da vent’anni.

Tenere gli altri – Un altra sfida che vede impegnati i dirigenti doriani è quella di mantenere la rosa attuale, difendendo i gioielli di casa Garrone dagli assalti dei club più blasonati d’Italia e non solo. Stiamo parlando ovviamente di Cassano, Pazzini, Poli e Palombo. Se sul primo, vero rimpianto Azzurro al Mondiale, ogni giorno spuntano nuove voci di mercato, che lo vogliono ora accostato alla Juve, ora all’Inter, ora al City, su Pazzini c’è il forte pressing dei bianconeri. Il club di Torino, incassato un primo no per ‘Il Pazzo’, sta comunque provando a trovare quantomeno l’accordo col giocatore, per poi fare pressione sulla società. All’affare, manco a dirlo sta lavorando Marotta. Su Palombo c’è l’interesse di Inter e di qualche club europeo, mentre su Poli occhio all’Arsenal di Wenger, sempre attento ai tanti talenti di casa nostra.

Alessandro Iraci