Mondiali 2010, Uruguay – Corea del Sud 2-1: la celeste ai quarti dopo 40 anni

Luis Suarez (24) autore dei 2 goal dell'Uruguay

Dal lato sinistro del tabellone dei Mondiali 2010 si raccolgono tutte le rivelazioni di questo campionato partendo da Uruguay e Corea del Sud, la prima vincente del Girone A dove c’erano i vice campioni del Mondo, la Francia, e la seconda arrivata dietro l’Argentina e davanti alla Grecia, campione d’Europa nel 2004. La vincitrice si ritroverà ai quarti contro la vincente di USA, arrivati primi dinanzi all’Inghilterra, e Ghana, l’unica squadra africana ancora in gara. La Corea l’unica volta che ha raggiunto gli ottavi è poi andata avanti fino alla finale per il terzo posto, l’Uruguay invece è assente dei quarti dal ’70.

1 tempo – Corea pericolosa al 4′ con Park Chu Jong che da calcio di punizione di destro colpisce il palo estero con Muslera nettamente in ritardo e con la barriera molto mal posizionata. Però è l’Uruguay a passare in vantaggio con Luis Suarez al 8′ con una palla di Forlan messa in mezzo senza alcuna intenzione crudele, portiere coreano che esce malissimo e Suarez da solo conclude a rete col piatto destro. Al 13′ ancora Uruguay in avanti con Areavalo che però conclude troppo alto dopo un contropiede portato avanti da Cavani e Suarez. Succede ben poco poi fino al 24′ con Maxi Pereira che tira da fuori area ma trova una ribattuta di Cho Yong: pochi secondi dopo fermato Suarez lanciato in solitaria nella metà campo coreana per un fuorigioco molto dubbio.

Al 30′ Park Chu ci prova ancora con una doppia occasione: nella prima tiro troppo alto sopra la traversa e nella seconda tiro che si perde sul fondo vicino al palo. Al 39′ altra occasione per l’Uruguay con Suarez che prova a colpire di testa da cross di Forlan: debole viene parato dal portiere senza difficoltà. Sul finale di primo tempo ancora buona occasione per Park Chu su punizione che però sbatte sulla barriera.

2 tempo – Al 3′ grandissima occasione per l’Uruguay con 3 uomini contro 2: Suarez però invece di servire sulla destra il compagno che arrivava, Cavani, va al tiro centrale e debole che viene parato dal portiere senza problemi. Con un’occasione sbagliata ecco che l’Uruguay rischia: Park Chu, sempre lui, arriva su una respinta sbagliata di Lugano e a pochissimi metri dalla porta tira troppo alto sopra la traversa. La Corea comunque cresce e mette apprensione all’Uruguay. Al 12′ Park Ji Sung arriva sul cross di Cha Du-Ri di testa e impegna Muslera che si allunga quanto può per fermare la palla.

La Corea si butta all’attacco inserendo un’altra punta. Al 23′ arriva il pareggio della Corea con Lee Chun Yong con una punizione battuta dalla trequarti spizzata da Victorino: arriva di testa l’attaccante coreano che punisce Muslera uscito a vuoto. Al 25′ ci prova ancora l’Uruguay con una punizione dalla trequarti che però il portiere coreano para entrando con i piedi in porta: Pereira chiede il goal ma l’assistente dell’arbitro non è d’accordo. Al 27′ ancora Lee Chu Yong in avanti che scambia con Park Ji Sung e arriva in area di rigore concludendo troppo debolmente.

Al 29′ ribattuta in area dell’Uruguay e Suarez che si trova solissimo in area di rigore con tutto il tempo per battere a rete ma colpisce malissimo di testa di prima e la palla si spegne sul fondo. Al 34′ Perez con caparbietà recupera palla sulla trequarti e guadagna un calcio d’angolo che va a battere Forlan: sulla prima battuta Cavani prova ad allungare la trova solo un nuovo angolo; da questo la palla arriva a Suarez che stoppa, dribbla due avversari e conclude fortissimo col destro a giro e trova il goal del vantaggio coadiuvato dal palo. Al 42′ grande occasione per la Corea con Park Ji Sung che serve Lee Dong che arriva al tiro: palla che passa sotto la pancia di Muslera ma rallenta il suo cammino verso la porta e permette a Lugano di fermarla sulla linea e respingere.

Dopo 40 anni l’Uruguay torna ai quarti di finale di un Mondiale: incontrerà la vincente di USA – Ghana, che si incontreranno stasera alle 20:30.

Uruguay – Corea del Sud: 2-1
RETI: 8′ pt. Suarez (U), 23′ st. Chun Yong (C), 35′ st. Suarez (U)

URUGUAY: (4-3-3): 1 Muslera; 2 Lugano, 3 Godin (45′ st. 6 Victorino), 4 Fucile, 16 M.Pereira (30′ st. 14 Lodeiro); 15 Perez, 17 Arevalo, 11 Alvaro Pereira; 7 Cavani, 9 Suarez (39′ st. 20 A. Fernandez), 10 Forlan.
A disposizione: 12 Castillo, 23 Silva, 5 Gargano, 8 Eguren, 13 Abreu, 18 Gonzalez, 19 Scotti, 21 S. Fernandez, 22 Caceres
Allenatore: Oscar Tabarez

COREA DEL SUD: (4-4-1-1): 18 Jung Sung-ryong; 22 Cha Du-ri, 4 Cho Yong-hyung, 14 Lee Jung-soo, 12 Lee Young-pyo; 13 Kim Jae-sung (17′ st. 20 Lee Dong-guk), 17 Lee Chung-yong, 8 Kim Jung-woo, 16 Ki Sung-yong (41′ st. 19 Yeom Ki-hun), 7 Park Ji-sung; 10 Park Chu-young.
A disposizione: 21 Kim Young-kwang, 2 Oh Beom-seok, 3 Kim Hyung-il, 23 Kang Min-soo , 6 Kim Bo-kyung, 15 Kim Dong-jin, 5 Kim Nam-il, 11 Lee Seung-ryul, 9 Ahn Jung-hwan.
Allenatore: Huh Jung-moo.

Arbitro: Stark (Germania)
Ammoniti: Kim Jung (C), Cha Du Ri (C), Cho Yong (C)