Mondiali 2010, Inghilterra: Capello vuole restare, ma decide la Federazione

Tra due settimane Fabio Capello conoscerà il suo futuro

Fabio Capello intende rimanere al timone della nazionale inglese, ma la Federcalcio britannica ha bisogno di tempo per decidere. Nel day after di Germania-Inghilterra, oltre alle critiche piovute a raffica sulla squadra di Don Fabio, bisogna anche tracciare il futuro della nazionale dei “tre leoni”. <<Ho parlato questa mattina con sir David Richards ( presidente della FA, ndr). La Federazione si è presa due settimane di tempo per decidere il mio futuro>>. Questo il verdetto annunciato nella conferenza stampa di oggi che si è tenuta a Rustenburg. La puntualizzazione del tecnico italiano però, è chiara e netta:<<Io voglio assolutamente restare>>.

Ovviamente si è ritornati a parlare di quell’umiliante 4-1 e di come poteva cambiare la situazione se la rete di Lampard fosse stata convalidata:<<La palla era entrata, era un gol. Quando si è sul 2-1 e si arriva al pareggio le motivazioni delle due squadre cambiano. Sarebbe stata una situazione completamente diversa. Non sapete cosa passa nella mente dei giocatori>>. Ma al di là dell’episodio clamoroso, la prestazione degli inglesi non è esente da colpe sia dal punto di vista fisico che della concentrazione:<<I giocatori non sono contenti del risultato, tutti siamo scontenti. Abbiamo giocato una buona partita dopo il 2-1 fino al terzo gol loro, poi dopo la Germania ha giocato meglio di noi e ci ha punito due volte in contropiede>>. Ma le perplessità sulla condizione atletica dei giocatori erano sorte ben prima dell’ottavo di finale.

Capello, infatti, ha ammesso che insieme ai suoi collaboratori aveva notato un calo fisico. I giocatori si allenavano con costanza, ma le prestazioni non erano certo ottimali, anzi. E questo aspetto riporta a parlare delle convocazioni e dell’influenza che la stagione passata ha avuto sui 23:<<Non voglio parlare dei singoli, tutti non sono stati all’altezza e molti di loro sono arrivati molto stanchi a questo Mondiale. Io ho scelto la squadra basandomi su come i giocatori hanno finito la stagione>>.

Giuseppe Greco