Morte Pietro Taricone: i funerali senza l’ultimo saluto

Le ultime ventiquattro ore di Pietro Taricone per chi gli è rimasto accanto nella sua agonia devono essere state lunghe e lente da scorrere in attesa di un miracolo che non è arrivato, a noi che dal momento dell’incidente ne seguiamo le notizie, riportandole o leggendole, appaiono troppo veloci… “Pietro Taricone vittima di un incidente dopo un lancio con il paracadute”, “Taricone in fin di vita”,” l’attore per nove ore in sala operatoria nel tentativo di salvarlo”, poi… “il guerriero ha perso la sua battaglia più grande”…

In poco più di un giorno la sua vita si è spezzata, ed in molti avrebbero voluto porgergli l’ultimo saluto, piangere il dolore che invece lascia dentro quasi il dubbio, per la paura di accettare la morte, che niente di questa tragedia sia reale, ma non è così.

L’addio a Pietro sarà discreto, per appartenere solo a chi davvero lo ha amato, lontano da occhi curiosi e da quel clamore che lui stesso non amava. Ed è proprio in questi istanti che sta avendo luogo il “momento di preghiera”, come definito dalla famiglia dell’attore, per accompagnare Pietro nel suo ultimo viaggio, proprio nel posto dove ha smesso di esistere, nella cappella dell’ospedale Santa Maria di Terni, per poi trasportare la salma a Trasacco, un paese dell’aquilano di cui era originario, dove il sindaco, Gino Fosca, ha proclamato il lutto cittadino per l’intera mattinata del 30 giugno: “in considerazione del gravissimo lutto che ha colpito la nostra cittadinanza per la perdita del noto attore Pietro Taricone, a seguito di un gravissimo incidente che lo ha visto coinvolto nella cittadina di Terni durante una esercitazione di paracadutismo; preso atto dello sgomento che la perdita di questo giovane ha creato nell’ intera comunità di Trasacco, paese natale dei suoi genitori, al quale egli si è sempre mostrato legato e che ha permesso di far conoscere ovunque, grazie alla sua raggiunta popolarità; ritenuto che sia doveroso manifestare ufficialmente il cordoglio dell’ intera comunità e la vicinanza ai parenti della giovane vittima, decreta di proclamare il lutto cittadino”.

Addio Pietro…