Protezione Civile, allarme caldo: bollino rosso in 6 città italiane

L’estate ha tardato ad arrivare, ma ora il caldo intenso si fa sentire in tutta Italia. In questo weekend infatti le temperature hanno toccato picchi altissimi, e per alcune città italiane la protezione civile ha lanciato la prima allerta, mettendo il bollino rosso. Quest’ultimo indica l’ondata di calore, ovvero come quelle “condizioni meteorologiche a rischio che persistono per tre o più giorni consecutivi” e per le quali “è necessario adottare interventi di prevenzione mirati alla popolazione a rischio”, come ad esempio le persone anziane o non autosufficienti, le persone che assumono regolarmente farmaci e i neonati e i bambini piccoli. 

Temperature in aumento per la prossima settimana

Sul sito della protezione civile si trovano l’elenco delle città e i giorni in cui esse saranno interessate all’ondata di caldo, oltre il bollettino e le spiegazioni su cosa sono le ondate di calore, la descrizione dei rischi che le temperature bollenti hanno per la salute e anche una serie di consigli per difendersi dal caldo. Il bollino verde (livello 0) indica condizioni non a rischio;  il bollino giallo (livello 1) condizioni che non rappresentano un rischio per la salute della popolazione, ma possono precedere il verificarsi di condizioni di livello 2; il bollino arancione (livello 2) temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione a rischio; infine il bollino rosso (livello 3) in cui è necessario mettere in pratica accorgimenti mirati.

Il bollino rosso per oggi spetta a 6 città: Bolzano, Venezia, Trieste, Brescia, Milano e Torino, dove si raggiungerà una temperatura percepita di 39 gradi.
Per difendersi dal caldo rovente, la Protezione Civile consiglia di non uscire nelle ore più calde, dalle 12 alle 18, soprattutto ad anziani, bambini molto piccoli, persone non autosufficienti o convalescenti; per proteggersi dal calore del sole in casa utilizzare tende o persiane e mantenere il climatizzatore a 25-27 gradi, mentre se si usa un ventilatore non indirizzarlo direttamente sul proprio corpo; bere e mangiare molta frutta ed evitare bevande alcoliche e caffeina, consumare pasti leggeri; indossare abiti e cappelli leggeri e di colore chiaro all’aperto evitando le fibre sintetiche.

Per la prossima settimana le temperature saranno in aumento: domani sarà caldo torrido a Roma (31 gradi di massima ma 36 di percepita), Perugia (33 e 35), Bolzano (32 e 34), Brescia (32 e 37 gradi), Milano (33 e 37 gradi), Torino (36 e 38 gradi), Trieste (31 e 36 gradi), Venezia (31 e 36 gradi).

Adriana Ruggeri