Stati Uniti, Obama: 800 milioni di dollari per promuovere la banda larga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:51

Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha fatto sapere, durante un suo intervento, che nel nuovo piano di ripresa economica, annunciato venerdì scorso, sono previsti investimenti per promuovere la banda larga. Si parla di 800 milioni di dollari, provenienti dal Recovery Act e volti ad assicurare Internet nelle zone rurali. Tale progetto ha come obiettivo quello di dare la possibilità al 65% degli americani, 90% entro dieci anni, di avere Internet.

Per comprendere quanto sia ambizioso il progetto in questione, basta pensare a quanto affermato dal Segretario del Commercio, Gary Locke: “L’ampliamento dell’accesso ad Internet è una versione del 21esimo secolo del programma di elettrificazione rurale di Roosevelt, o del sistema autostradale di Eisenhower”. Il Segretario dell’Agricoltura, Tom Vilsack, lo definisce, invece, “uno dei pilastri del rinnovamento dell’economia rurale, che consentirà agli Stati Uniti di essere al centro dell’innovazione e di mantenere le società rurali dell’America competitive”.

A loro fa eco naturalmente il Presidente Obama: “Ci stiamo muovendo in avanti nella creazione dell’economia del 21esimo secolo. Gli studi hanno dimostrato che un tale investimento porterà a centinaia di migliaia di nuovi posti di lavoro. Con nuovi o potenziati accessi alla banda larga, le comunità possono competere a parità di condizioni, le scuole possono creare opportunità di apprendimento a distanza, i professionisti medici sono in grado di fornire diagnosi a distanza e i titolari di aziende possono espandere il mercato dei loro prodotti per competere nell’economia globale”.

Secondo la Casa Bianca, saranno 2.400 scuole, 900 strutture sanitarie e quasi 700.000 imprese a beneficiare di tali investimenti, che fanno parte degli 862 miliardi di dollari stanziati come incentivo all’economia, messa a dura prova dalla crisi degli ultimi anni.

Mauro Sedda

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!