Trenitalia, tangenti in cambio di appalti, 5 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:10

Napoli, 07 luglio. Tangenti in cambio di appalti indetti da Trenitalia. Sono scattate le manette ai polsi di Raffaele Arena, ex dirigente responsabile del servizio manutentivo di Trenitalia, Fiorenzo Carassai, ex responsabile di una sezione di manutenzione della società, e gli imprenditori Giovanni e Antonio De Luca, titolari della società ‘Fd Costruzioni’. Arresti domiciliari invece per Carmine D’Elia, considerato il socio occulto di Arena. Sequestrate anche le aziende ‘Fd Costruzioni’ di Napoli, il Pastificio artigianale Leonardo Carassai srl di Campofilone (Fermo), la Mavis srl e la Amg srl, di Nola (Napoli), il cui valore totale è stimato intorno ai sei milioni di euro.

L’operazione è stata eseguita dal Comando Provinciale di Napoli della Guardia di Finanza, coordinata dalla Procura della Repubblica del capoluogo partenopeo e dal gip Luigi Giordano, su richiesta dei pm Henry John Woodcock e Francesco Curcio. L’accusa per tutti è di associazione per delinquere finalizzata alla turbata libertà degli incanti, corruzione, riciclaggio e reimpiego dei proventi illeciti in attività economiche. Gli arrestati si occupavano di pilotare “in modo sistematico e seriale” gli appalti relativi alla manutenzione delle carrozze e dei locomotori, per un valore superiore ai 10 milioni di euro, appalti indetti dunque irregolarmente, in favore di aziende di proprietà di parenti di uno dei due dirigenti e aziende “amiche”. Un sistema illecito in cui si sono svolte vere e proprie trattative private e singole, in cambio di tangenti.

Raffaele Arena è stato recentemente licenziato da Trenitalia spa, a seguito di indagini interne, mentre il collega Fiorenzo Carassai, dopo un iniziale licenziamento per motivi disciplinari, ha definito un accordo per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro. Tuttavia, secondo quanto affermato dal gip, parrebbe che i due abbiano continuato ad influenzare la gestione e l’affidamento irregolare degli appalti, anche dopo l’allontanamento dalla società, avvalendosi della collaborazione di alcuni ex colleghi complici.

Alessandra Maiorano

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!