Fumo? Si inizia troppo presto! Addirittura prima dei 15 anni

Le brutte abitudini sono contagiose così i ragazzini di  prima superiore e forse anche più giovane si ritrovano con la sigaretta in bocca troppo presto. Dagli ultimi studi e in particolar modo dall’indagine compiuta dalla ricerca Doxa-Iss-Ofad 2010, presentata oggi a Roma nel corso del lancio della campagna antifumo 2010 del Ministero della Salute ‘Io non fumerò mai’,  emerge infatti che in Italia l’età delle prime boccate di fumo, dei primi approcci con la sigaretta si sia pericolosamente abbassata e viaggi intorno ai 15 anni.  Tra i 15 e i 24 anni risulta infatti essere fumatore o fumatrice il 21,9% dei ragazzi ovvero il 25,3% dei maschi e il 18,4 % delle femmine. Pericolosissimo è il dato successivo che ci riporta come il 34,5 % di questi ragazzi abbia iniziato a fumare in media sui 15 anni o addirittura poco prima. Il 50,8% dichiara invece di aver iniziato tra i 15 e i 17 anni. Anche questo non è di certo un dato rincuorante. Come mai così presto? È la solita storia? Ovvero vogliono sentirsi grandi? Non si può ridurre il tutto ad una unica spiegazione e non si può generalizzare. Ogni individuo ha una storia a se stante e se la ‘scusa’ di volersi sentire più grandi può valere per alcuni di sicuro non vale per tutti.

La campagna sociale ‘Non fumerò mai ’ cerca di sensibilizzare ed informare proprio tutti questi giovanissimi che si trovano nelle fasce di età comprese dallo studio. L’obiettivo principale  della campagna è quindi quello di prevenire l’iniziazione al fumo favorendo già dall’età scolare un atteggiamento di netto rifiuto nei confronti di quello che si profila essere un vizio troppo contagioso.  Essa sarà diffusa grazie ad uno spot di 35 secondi interpretato da Renato Pozzetto. Da domani potremmo già vederlo in onda su tutte le reti nazionali. L’attore comico più amato da generazioni e generazioni interpreterà un maestro elementare che invita gli alunni ad una riflessione critica sui danni che il fumo provoca sulla salute di chi fuma e su quella di chi gli sta vicino.

Contemporanea è anche la campagna in onda su MTV in cui si vedono i vari giovani protagonisti intenti ad escogitare ‘trucchetti’  per non farsi coinvolgere dagli amici ed iniziare a fumare. Pare infatti che si siano unite le forze per salvare i giovanissimi dal vizio del fumo e si spera che gli sforzi profusi abbiano al più presto esiti positivi.

Alessandra Solmi