Calciomercato Inter, Balotelli:”Sono un patrimonio? Allora devo giocare di più”

Balotelli resterà a Milano o le sirene inglesi lo faranno vacillare?

Prima a Napoli tra divertimento e musica, poi nella riposante Sardegna per godersi il mare, la spiaggia e qualche palleggio sulla battigia sfoggiando il suo fisico da atleta. Direttamente dalla sua località vacanziera, Mario Balotelli ha parlato del suo presente, ma soprattutto del suo futuro in un’intervista concessa oggi al Corriere dello sport. La Nazionale, i trascorsi con Mourinho, la voglia di ripartire, già, ma con quale maglia? <<Quando parlo del mio futuro io dico sempre non lo so. Quest anno abbiamo vinto tutto, ma io non mi accontento mai. Ho sempre fame, voglio continuare a vincere>>.

Sarebbe stato un sogno essere presente nei 23 di Lippi per i mondiali, ma superMario non ne fa un dramma, resta comunque un pizzico di rammarico:<<Mi è dispiaciuto non andare in Sudafrica, anche se magari giocherò i prossimi tre o quattro mondiali. Questo poteva essere il primo e invece…>>. Tuttavia con il nuovo corso di Prandelli, c’è già chi parla di generazione Balotelli, di un’Italia multietnica e della fantacoppia con Antonio Cassano:<<Ogni volta che ho affrontato la Fiorentina, mi è sempre piaciuto il gioco di Prandelli, punta molto sui giovani. Antonio è un amico, oltre ad essere uno straordinario campione. Sarebbe fantastico giocare insieme in azzurro>>.

Dalla nazionale ai club. Nel passato gli scontri con Mourinho e nel presente, sperano i tifosi nerazzurri, il futuro con Benitez:<<Se gli scontri con Mourinho sono valsi tre titoli, ben venga. Apprezzo molto Benitez, spero di conoscerlo presto. L’interesse delle due squadre di Manchester? Beh, vuol dire che non sono scarso come pensavo>>. Scherzando sul suo futuro, ma non parlandone mai chiaramente, Balotelli lancia un monito al suo presidente che lo ha definito “patrimonio dell’Inter“:<<Sono molto contento per le parole di Moratti, ma un patrimonio ha bisogno di giocare. Voglio giocare di più quest anno>>.

Giuseppe Greco