Calciomercato Inter: Balotelli lascia l’Aic. Si avvicina il suo approdo in Premier League?

Mario Balotelli, il giovane campione dell'Inter

Qui non è tutelato“. Con queste parole il procuratore Mino Raiola annuncia alla stampa i motivi che hanno portato Mario Balotelli ad abbandonare l’Aic (Associazione Italiana Calciatori), ovvero il sindacato presieduto da Campana che si occupa dei problemi dei Calciatori italiani.

L’annuncio di Raiola è stato dato per mezzo dei microfoni di Radio Radio, ed ha fatto scalpore nel mondo del calcio italiano. Un pò di stupore è arrivato dalle dichiarazioni di Raiola: “Mario lascia l’Aic, perchè in realtà non è l’associazione italiana calciatori, ma l’Aci, ovvero l’associazione calciatori italiani, visto che protegge solo i loro interessi“. Raiola ha poi aggiunto nel suo intervento radiofonico che “Non voglio avere niente a che fare con Campana e Grosso, che hanno votato a favore della decisione della Figc di limitare il numero di extracomunitari in Serie A; quindi ho chiesto ai miei giocatori di lasciare l’Aic e Mario lo ha fatto“.

Il clamore per la decisione di Balotelli di abbandonare l’Aic è anche grande perchè potrebbe aprire particolari scenari sul futuro della sua carriera. Lo strappo con una grande associazione istituzionale del calcio italiano potrebbe infatti portare SuperMario a rifiutare una convocazione nella Nazionale azzurra per sposare invece la causa di quella ghanese. L’allontamento dall’Aic inoltre potrebbe essere anche un messaggio chiaro di Balotelli, che a quanto pare non vede l’ora di lasciare l’Inter per trasferirsi nel Man Utd.

Ma in Inghilterra non ci sarebbe solo Ferguson interessato a Balotelli. Sul giovane campione dell’Inter ha fatto dei complimenti in pubblico anche Ancelotti, che potrebbe così spingere Abramovic a comprarglielo per rinforzare la rosa del suo Chelsea. “E’ difficile trovare un campione di quel livello ad una così giovane età– ha dichiarato l’ex-allenatore del Milan, che poi ha aggiunto –Qui in Inghilterra potrebbe trovare un ambiente più congeniale per lui, magari anche nel Man Utd, dove c’è un allenatore che potrebbe esaltare le sua qualità“. Ancelotti si è poi lasciato sfuggire una battuta sul proprio futuro, che da Blues potrebbe diventare Azzurro: “L’esperienza come Ct della Nazionale italiana va vissuta. Facendo un piccolo calcolo potrei diventare Ct nel 2030, l’anno in cui l’Italia dovrebbe vincere di nuovo” ha dichiarato ridendoci su. 

Simone Lo Iacono