Waka waka di Shakira farà da cornice ai Commonwealth Games?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09

Questo mondiale è stato senza dubbio caratterizzato dal tormentone di Shakira Waka- Waka oltre al delirio delle fans che hanno fatto le più svariate promesse. Dal sesso orale di Bobbi Eden alle foto sexy di Larissa Riquelme fatte sia per il suo Paraguay che per la Spagna vincitrice del mondiale 2010. Per non parlare di Paul il polpo con i suoi pronostici. In ogni caso Shakira è la regina di questo mondiale sudafricano grazie al suo Waka Waka che sembra essere destinato ad altri successi. La cantante colombiana è stata infatti invitata a fare da madrina ai Commonwealth Games.

Questi sono una sorta di Olimpiadi che si svolgono ogni quattro anni in India. A questi giochi partecipano tutte le nazioni che hanno legami con l’Inghilterra. Gli organizzatori sono stati così colpiti dalla bravura e dalla bellezza di Shakira che hanno deciso di chiederle di esibirsi anche in India in occasione appunto di questi giochi. Non ci sarebbe quindi tregua per la cantante colombiana che ha risvegliati gli animi di tutti con le note della sua canzone ma anche con il suo modo di muoversi. Per le donne un bel vedere, per gli uomini tempesta ormonale imminente.

Inizialmente si era pensato a Katrina Kaif, famosa cantante indiana, ma poi visto la fama limitata solo all’India si è pensato di fare qualcosa di più. “Assumere” quindi una cantante di fama mondiale e Shakira sembrerebbe essere proprio la candidata ideale.

Il problema però sembrerebbe essere proprio l’India che non capisce il bisogno di chiamare come rappresentante una cantante che non ha nulla a che fare con la nazione asiatica. Era successo lo stesso in Sudafrica anche perché ricordiamo che Shakira è colombiana. Molto probabilmente quindi anche in questo caso ci saranno delle polemiche  prima dell’inizio dei Commonwealth Games.

Vedremo se avranno la meglio il tormentone dei mondiali 2010 con la bella Shakira o le proteste dell’India che vorrebbe vedersi esibire un talento del luogo.

Filomena Procopio