Bocciato il parto cesareo: maggior rischio di allergie e sovrappeso nei bambini

Secondo un recente studio italiano pubblicato sul Journal of Nutrition , il parto cesareo aumenta il rischio di allergie nei bambini e sarebbe quindi meglio scegliere il parto naturale, ovviamente quando possibile.

I bambini nati con un parto naturale presentano infatti una microflora batterica migliore rispetto ai coetanei nati con un parto cesareo, una condizione che protegge i piccoli da alcune forme di allergia. Questa è la conclusione di uno studio condotto dai ricercatori dell’istituto di Microbiologia dell’Università Cattolica di Piacenza in collaborazione con la Uoc di Pediatria e Neonatologia dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto.

Per preservare la salute dei bambini è meglio optare per il parto naturale

I ricercatori hanno preso in esame 92 bambini, 46 nati con un parto naturale e 46 nati con uno cesareo. Questi ultimi per diverse settimane presentavano una microflora intestinale instabile: secondo i ricercatori questa condizione, non rilevata nei bambini nati con un parto naturale, espone i piccoli a patologie immuno-allergiche ed all’aumento di peso.

Già in precedenza uno studio Olandese affrontava queste problematiche riguardo alla correlazione tra la salute del bimbo e il metodo adottato per la nascita. In quel caso si erano riscontrati maggiori rischi, per i bambini nati con cesareo, riguardo a problemi asmatici.

Secondo gli esperti insomma i bambini nati con un parto cesareo risultano essere svantaggiati rispetto a quelli nati con un parto naturale: probabilmente saranno necessari ulteriori studi, ma i dati raccolti pongono le basi per interventi profilattici correttivi. Attraverso delle supplementazioni precoci di sostanze e probiotici, in grado di normalizzare la microflora intestinale, si potrebbero limitare i casi di allergie e asma nei bambini.

Naturalmente esistono casi in cui il parto cesareo sia strettamente necessario per la vita dei piccoli. Ma, escluse le eccezioni, è bene ricorrere sempre ai metodi antichi e naturali per garantire ai bambini una salute più sana.

Adriana Ruggeri