Stasera in tv: “Piede di Dio”

Questa sera, alle ore 21:00, la rete satellitare Sky Cinema +24 trasmetterà il film, del 2009, “Piede di Dio“. La pellicola, diretta da Luigi Sardiello, è interpretata da Emilio Solfrizzi, Rosaria Russo e Filippo Puccillo. Vincitrice di decine di premi, il film è una finestra aperta sulla cronaca sportiva di inizio millennio.

Michele (Emilio Solfrizzi) è un ex giocatore di calcio che, a causa di un infortunio, ha dovuto smettere di giocare. Adesso è un talent scout per la serie A. Un giorno incontra Elia (Filippo Puccillo), un diciottenne di enorme talento che gioca sulla spiaggia e sui campi terrosi e assolati di un paesino sperduto della Sicilia. Elia è un ragazzo immaturo che, però, potrebbe risollevare le sorti del calcio italiano da una parte ancora scosso dallo scandalo Moggi e dalle vicende di calciopoli e dall’altra ancora esaltato dalla vittoria al mondiale di Germania del 2006…

Un film che parla di calcio, il cui titolo è una evidente citazione della vicenda di Maradona e il suo goal di mano. La storia, però, è molto più intimista di quello che potrebbe sembrare e narra le vicende di uno pseudo-padre in cerca di riscatto e di uno pseudo-figlio in cerca di un modello da seguire. “Piede di Dio” è di sicuro un’opera di riflessione. Ma è una riflessione abusata e abbastanza scontata, una sorta di contrapposizione tra il mondo ricco, moderno e materialista di Michele e quello modesto, tranquillo e attaccato alla semplicità della tradizione rappresentato dai gusti di Elia. Lo scompenso fra i mondi viene fuori nell’ambientazione cittadina, l’unico luogo che non sia al di fuori del tempo e delle nuove usanze. Il film di Sardiello mette, dunque, sullo schermo, tutto ciò che la gente dice già nei bar e in altri luoghi di ritrovo: la modernità è un male per tutti, e ciò che più si dovrebbe auspicare è un ritorno alla semplicità di una volta.

Valentina Carapella