Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Nasconde 18 scimmiette sotto i vestiti, arrestato

CONDIVIDI

Si tratta di scimmiette di razza “titì”, non più grandi di 15 cm, quelle che un uomo di origine peruviana proveniente da Lima e senza troppi scrupoli ha cercato di introdurre illegalmente in Messico, nascondendole sotto i vestiti e all’interno di alcuni sacchetti di plastica, chiusi. I doganieri dell’aeroporto di Città del Messico hanno però sospettato subito dell’individuo  e dopo averlo fatto spogliare si sono trovati di fronte uno spettacolo al quanto particolare. I piccoli animali erano stati legati in modo da formare una sorta di “ciambella” intorno al corpo.

Purtroppo due esemplari sono deceduti, un’eventualità probabile essendo state chiuse in sacchetti di plastica. Le scimmiette sono origniarie dell’Amazzonia ed il loro valore commerciale sul banco del mercato nero può variare dagli 800 ai 3000 dollari. Se al contrabbandiere l’affare fosse andato in porto avrebbe potuto intascare cifre che variano dai  14000 dollari circa, ai 54000. Tutto questo, ovviamente a spese esclusive dei poveri animaletti, come troppo spesso accade. Il commercio illegale di animali è infatti una piaga che affligge l’intero pianeta.

Nemmeno l’Italia ne è esente ed anzi, il traffico di cuccioli di cane ( soprattutto) dall’est europeo, per fare un esempio, è un fenomeno che vede le forze dell’ordine impegnate quotidianamente nel combatterlo, ma l’estensione rimane comunque preoccupante. E’ difficile infatti senza un controllo doganale individuare  i trasporti illegali, che spesso avvengono in auto, con cuccioli chiusi ed ammassati in un bagagliaio. Alcuni, come le due scimmiette di Città del Messico, purtroppo non ce la fanno e rimangono vittima di quella che non è altro che una crudeltà, prettamente umana.

A.S.