Auguri di buon compleanno a Franca Valeri, che compirà 90 anni

 

Tanti auguri di buon compleanno per Franca Valeri, l’attrice teatrale che il 31 luglio raggiungerà l’età di 90 anni recitando ancora quasi ogni sera le sue caricature di varie donne e pontificando e facendo progetti per il futuro sia come attrice che come autrice e regista; l’attrice si è impressa nell’immaginario del pubblico ed ha ricevuto per una vita il plauso dei suoi spettatori per le sue diverse caratterizzazioni al femminile, andandosi così a configurare come un classico cine-teatral-televisivo nazionale che appaga sempre e non delude mai.

Franca Maria Norsa, nome d’arte Franca Valeri, è nata a Milano il 31 luglio 1920 e ha studiato diventando una ragazza colta e conducendo buone letture tanto che la sua passione per il poeta francese Paul Valery la porterà ad adottare quel nome che sarà da lì in poi il suo pseudonimo e nome d’arte; a portarla a cambiare nome due smacchi, il primo legato all’insuccesso con la tragedia “Caterina di Dio“, il secondo relativo alla bocciatura all’esame di ammissione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica di Roma, da dove sono usciti Gassman e tanti altri. Arriva dopo qualche tempo al teatro quasi casualmente, diventata ormai famosa per le sue qualità e doti satiriche nei salotti del bel mondo degli intellettuali di Milano.

La sua bravura comico-satirica  verrà messa in luce grazie alla trasmissione radiofonica “Il rosso e il nero” dove, per quella che è la prima volta, fa conoscere al pubblico italiano il personaggio della Signorina Cesira che poi passando alla tv si tramuterà in Signorina Snob, una nevrotica signora di Milano che rappresenta l’ipocrisia tipica della borghesia contemporanea. Dobbiamo andare al 1951 per rintracciare la data del suo esordio in teatro, quando fonda il Teatro Gobbi assieme ad Alberto Bonucci e Vittorio Caprioli, che poi diverrà suo marito;  nello stesso anno prende parte a quello che sarà il suo primo film “Luci del varietà” di Alberto Lattuada e di quello che era a quei tempi un esordiente, ovvero Federico Fellini.

Sarà poi il grande schermo a tramutare in vantaggi le sue caratteristiche fisiche e di carattere che avrebbero, per altre attrici, rappresentato dei difetti andando quindi a configurare la Valeri  come una vera e propria presenza familiare e quotidiana per il suo pubblico; l’attrice inoltre, legata alla Scala ed appassionata di opera lirica, intraprende inoltre la carriera come regista di melodrammi continuando comunque a lavorare con la televisione e partecipando a diversi film e telefilm come la fiction “Caro maestro” e “Compagni di Scuola” del 2001.

Rossella Lalli