Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Fini: su Caliendo ho le idee chiare. Opposizione divisa

CONDIVIDI

“Su Caliendo il presidente Fini ha le idee chiarissime e le discuterà con il suo gruppo un attimo prima dell’eventuale voto sulla mozione di sfiducia”. Così parla Fabrizio Alfano, portavoce di Gianfranco Fini(foto in  alto a sinistra), su una possibile sfiducia per il sottosegretario alla Giustizia, indagato dalla Procura di Roma per violazione della legge Anse
lmi.

Nemmeno di domenica si fermano le controversie e prese di pozione.

“Sfido Fini. Ci faccia capire se davvero la sua è una battaglia in nome della legalità o se è solo una furbata. Ci aspettiamo che i finiani votino con noi e il Pd, la mozione di sfiducia nei confronti del sottosegretario Caliendo”. E’ quanto afferma in un’intervista pubblicata da ‘Il Fatto Quotidiano’,  Antonio Di Pietro(foto a destra). “Rivolgo un appello a Fini e a Bersani per un voto di sfiducia al governo Berlusconi. E’ un accordo che dura il tempo di un battito d’ali-continua il leader dell’Idv- dopodichè ognuno torna nella sua identità ideologica”.

In quest’estate ci sono state tensioni nella maggioranza, l’ultima culminata in rottura.

Alcuni esponenti del Governo e centrodestra sono indagati per violazione della legge Anselmi. In ordine cronologico vediamo il Sottosegretario uscente Nicola Casentino, il coordinatore nazionale del Pdl Denis Verdini e l’omologo senatore Marcello Dell’Utri. Ultimo Bracher condannato per la scalata Antonveneta. Giovedì scorso c’è stata l’epulsione di Fini da Popolo della Libertà e il giorno successivo, l’annuncio della nascita di “Futuro e Libertà per l’Italia”, il movimento finiano.

Se l’Udc invoca un Esecutivo di unità nazionale, nel centrosinistra ci sono più onde di pensiero.

Per il Pd, con il segretario Pierluigi Bersani(foto),  serve “una fase di transizione”. Per Paolo Ferrero, Federazione della Sinistra, e Nichi Vendola bisogna andare subito al voto.

Intanto dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi(foto a destre) arrivano rassicurazioni. “Non ci sarà nessuna crisi di governo e non ci saranno nuove elezioni, c’è molto lavoro da fare in Italia e in Europa e sono fiducioso di concludere la legislatura”, ha detto il premier in una conversazione con il direttore de ‘La Stampa’ Mario Calabresi. “Non ho nessuna preoccupazione per la tenuta della maggioranza e del governo e non dubito della lealtà dei parlamentari che sono stati eletti con il Popolo della libertà”.

Matteo Melani

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram