Elena Mirò non farà parte della settimana della Moda programmata per questo settembre nella solita città milanese. Da sempre questa famosa marca di abbigliamento è dedita a tenere in considerazione le donne morbide, quelle con taglie forti.

Le sfilate del marchio di Elena Mirò cercano di esaltare le forme, mostrare con entusiasmo curve decise con l’intento di aumentare l’autostima delle vere donne e combattere l’anoressia.

“Sfileremo lo stesso con l’orgoglio e la voglia di fare che  ci contraddistinguono e non vogliamo fare polemiche – racconta Mauro Davico, portavoce ufficiale del gruppo Miroglio, di cui Elena Mirò fa parte – certo, non è un bellissimo segnale. Negli ultimi anni pareva che il mondo della moda avesse sviluppato una certa attenzione per le donne vere, per la loro vita e per le loro esigenze in particolar modo. Questa esclusione è strana, un controsenso”.

Un controsenso vero e proprio a quanto sembra, soprattutto se si va a leggere il Manifesto Nazionale di autoregolazione della moda italiana contro l’anoressia, pensato ancora nel 2006 dal Ministro per le Politiche Giovanili, a quel tempo, Giovanna Melandri, e dalla Camera Nazionale della Moda Italiana: “Noi ci impegniamo a rivalutare un modello di bellezza sano, solare, generoso”.

Ma da settembre non sarà così, anche se risponde Mario Boselli, Presidente dell’associazione: “ E’ un tema che comunque ci sta sempre a cuore. Ma il discorso è più complesso. Le prossime sfilate saranno speciali – e continua – torneranno a durare 7 giorni (in seguito alla riduzione dell’ultima edizione, ora  sarà dal 22 al 28 settembre) e a rappresentare il massimo dal punto di vista qualitativo con, per esempio, il ritorno tanto aspettato di Dolce & Gabbana. Non voglio dire che Mirò sia da meno, anzi! Purtroppo però la sua presenza non sarebbe coerente con la nuova filosofia della manifestazione, che metterà in mostra solo ed esclusivamente il top dei top”.

Eppure ogni 100 donne italiane, almeno 35 sono di taglia over 48. Speriamo che le taglie forti siano considerate out solo per quest’unica settimana di settembre a Milano!

Valentina Princic