Maradona torna sulla panchina dell’Argentina?

E' giallo sulla cacciata e sul possibile ritorno di Diego come ct argentino

Il gioco convincente, l’attaccamento dei giocatori, l’euforia pubblica, l’eliminazione, la cacciata. Quella di Maradona sulla panchina dell’Argentina è una vicenda a metà tra telenovelas e giallo che non è ancora finita. Carlos Bilardo, direttore generale della nazionale, “apre” ad un clamoroso ritorno di Diego in panchina:<<Diego Maradona potrebbe tornare in nazionale. Io non gli chiuderei la porta. Non so che possibilità ci sono, ma non escludo un nuovo incontro>>. La dichiarazione arriva proprio per bocca di colui che esonerò il pibe de oro e che fu accusato dallo stesso di “tradimento“.

Nel post-mondiale, l’allontanamento dalla panchina dell’albiceleste era stato votato praticamente all’unanimità, ma le voci che si susseguono sui giornali argentini, disegnano una federcalcio argentina come una specie di Cia del calcio dove si nascondono insospettabili pro Maradona e contro Maradona. C’è chi si aggrega alla sorprendente dichiarazione di Bilardo e c’è chi invece sostiene che è tutto fumo e niente arrosto. Non è ancora arrivata la replica da parte dell’ex ct che pare voglia guardarsi intorno, anche a livello di club, prima di uscire allo scoperto.

Intanto in sua difesa è intervenuto il capitano della seleccion e oggetto del desiderio del mercato: Javier Mascherano. Il centrocampista del Liverpool ha parlato in difesa di Diego ai microfoni della radio Continental:<<Ho sentito dire che non avremmo rispettato Diego, questa è una menzogna. Si viveva in un clima di totale armonia che negli anni passati non avevo mai visto>>. La telenovela non è ancora finita e bisognerà aspettare la replica di Maradona stesso per sapere se assisteremo ad un clamoroso ritorno o ad una lite ancora più aspra con la federazione.

Giuseppe Greco