Famiglia Cristiana: “Italia disgustata dalla politica”

E la società civile vicina alle posizioni cattoliche? Se ne fa portavoce, oggi, Famiglia Cristiana, il settimanale dei paolini ultimamente molto critico nei conffronti dell’esecutivo, e della politica in genere. “L’Italia è disgustata dallo spettacolo offerto ogni giorno dalla politica, spiega infatti un editoriale, in edicola domattina, cher racconta di una casta intenta soltanto a “sistemare se stessa e le proprie pendenze” più che “a risolvere i gravi problemi del paese”. Non passa inosservato, infatti, che l’articolo arrivi dopo una serie di moniti della Cei, la Conferenza Episcopale Italiana, e di altri pezzi della stampa vicina al Vaticano.

Un rinnovamento auspicato nelle parole dell’editoriale: “Giovani politici cattolici cercansi”. “L’opinione pubblica – continua – sebbene narcotizzata dalle tv, è disgustata dallo spettacolo poco edificante che, quasi ogni giorno, ci viene offerto da una classe politica che litiga su tutto. Lontana dalla gente e impotente a risolvere i gravi problemi del Paese”.

Ma non basta: “Da tempo – prosegue l’articolo – Papa e vescovi hanno lanciato l’appello: ‘Giovani politici cattolici cercansi'”. Ciò che manca, dunque, sarebbe la presenza di “persone capaci di offrire alla nazione obiettivi condivisi. E condivisibili. Non esistono programmi di medio e lungo termine. Non emerge un’idea di bene comune, che permetta di superare divisioni e interessi di parte. Se non personali. Si propone un federalismo che sa di secessione. Senz’anima e solidarietà”.

Finale piuttosto eloquente, infine, dal tenore piuttosto critico. “Un Paese maturo, che deve mirare allo sviluppo e alla pacifica convivenza dei cittadini, – si legge nel pezzo – non può continuare con uomini che hanno scelto la politica per sistemare se stessi e le proprie pendenze”.

v.m.