Beppe Grillo cambia idea: “Montezemolo un galleggiante”

Qualche giorno fa avevano destato un po’ di sorpresa le dichiarazioni di Beppe Grillo su Montezemolo. Il comico genovese aveva affermato che il Presidente della Ferrari poteva essere l’uomo giusto per guidare un governo tecnico e condurre così il paese a nuove elezioni.

Ora, invece, sul suo blog, Beppe Grillo non sembra dimostrare grande apprezzamento verso l’imprenditore. Ha già cambiato idea?

“I Mondiali di Italia ’90 – scrive il leader del Movimento 5 Stelle in un post – sono per Montezemolo la grande occasione per lanciare un nuovo modello di edilizia, gli stadi e le strutture fatiscenti e i gli appalti a costi crescenti faranno scuola nei decenni successivi”.

“Gianni Agnelli – continua il blogger – si ricorda ancora di lui e gli affida la Juventusche si classifica settima e viene esclusa da tutte le competizioni internazionali, un fatto che non si verificava dal dopoguerra. La politica lo tenta, ma lui tentenna e si consola fondando “Charme” un fondo finanziario imprenditoriale per l’investitore che non deve chiedere, ma solo dare”.

“Montezemolo – scrive ironicamente il comico genovese – è una risorsa del Paese, quando nessuno sa che pesci pigliare tutti pensano a lui. Lui riflette, si inalbera, dichiara, si indigna, si guarda allo specchio e poi si ispira ai Savoia serviti dalla sua famiglia per generazioni. Da Vittorio Emanuele III, il re sciaboletta fuggito a Pescara, a Carlo Alberto, detto il re Tentenna”.

Per concludere, Grillo definisce Cordero di Montezemolo “il galleggiante della Repubblica”. Insomma, il presunto idillio è già finito. L’intera classe dirigente, per il blogger, è da rispedire a casa: Montezemolo compreso.

Giorgio Piccitto