MotoGP: la Honda ha il problema Dovizioso

La casa giapponese ora deve trovare una soluzione per quello che è ormai diventato il  “caso Dovizioso”, ma nonostante la Hrc ostenti tranquillità e sicurezza, la realtà è piuttosto complicata e la soluzione non scontata.

Il passaggio dell’australiano Casey Stoner alla Honda ufficiale per la prossima stagione ha portato inevitabilmente scompiglio alla casa giapponese, che ora deve fare i conti con un Dovizioso per niente contento di essere spostato in un team satellite.

Inizialmente sembrava non ci  dovessero essere problemi, in quanto esisteva la possibilità concreta di tenere tre piloti Honda ufficiali per il 2011 con il suppporto dello sponsor Red Bull. Ma contro ogni previsione la Red Bull ha gentilmente declinato l’invito e la HRC si è ritrovata nei guai. Cioè con un problema di sovrabbondanza di piloti e soprattutto di carenza di budget.

Unica soluzione risulta essere ovvviamente quella di spostare il pilota italiano al team satellite Gresini, con la garanzia di fornirgli il massimo del supporto tecnico.

Ma Dovizioso potrebbe far valere l’opzione di non accettare e di decidere di restare ad ogni costo in Hrc, obbligando di conseguenza la Honda ad agire contro la volontà del pilota spostandolo senza la sua approvazione e pagando la penale.

A conti fatti la situazione già alquanto complicata diventerebbe ingestibile e imbarazzante.

F.C.