Catherine Zeta-Jones si sfoga per la malattia del marito Michael Douglas

Foto: JpegFoto.com/KikaPress.com©Gossip.it

Solo qualche settimana fa Michael Douglas aveva dichiarato al “David Letterman Show” di avere un tumore alla gola. Nonostante la malattia fosse in uno stato avanzato, l’attore si era detto ottimista: “Le percentuali sono molto buone. Non vorrei dirlo, ma sembra che con le giuste cure all’80% possa farcela”.

Adesso, l’attore sta affrontando i primi cicli di chemioterapia e radioterapia, ma la moglie Catherine Zeta-Jones è fuoriosa con i medici, i quali non hanno diagnosticato prima il cancro, nonostante il marito lamentasse già dolori continui alla gola e alle orecchie. “Lui diceva ripetutamente di avere dolore alla gola e all’orecchio – ha detto l’attrice (fonte ‘Mailonline‘) -. Eppure, fino a tre settimane fa, nessuno aveva notato quella ‘piccola noce’ che si era formata sotto la sua lingua”.

E ha continuato: “Il fatto che non l’abbiano individuato prima, mi rende furiosa – si legge sul ‘The Sun‘ -. Aveva provato ogni opzione e non è stato trovato niente. Ma io sapevo che c’era qualcosa. Lui sapeva che c’era qualcosa”.

I due attori sono sposati dal 2000 e hanno 25 anni esatti di differenza: sono nati, infatti, entrambi il 25 settembre e dal loro matrimonio hanno avuto due bambini.

Michael Douglas, quasi sessantasei anni, ha debuttato al cinema negli anni Sessanta, ma è diventato famoso per film quali “Coma profondo”, “All’inseguimento della pietra verde”, “Il gioiello del Nilo”, “Chorus line”, “Attrazione fatale”, “Wall Street” (con cui ha vinto l’Oscar), “La guerra dei Roses”, “Basic Instinct”, “Un giorno di ordinaria follia”, “Delitto perfetto”, “Traffic”, “La rivolta delle ex”, “Solitary Man” e il recente “Wall Street: il denaro non dorme mai”. Quello con l’attrice è il suo secondo matrimonio.

Catherine Zeta-Jones, invece, quasi quarantun’anni, diventa famosa grazie al ruolo in “La maschera di Zorro” ed “Entrapment”. Tra gli altri titoli: “Hauting – Presenze”, “Traffic”, “I perfetti innamorati”, “Chicago” (grazie al quale vinse l’Oscar), “Prima ti sposo, poi ti rovino”, “The Terminal”, “Ocean’s Twelve”, “La leggenda di Zorro”, “Sapori e dissapori” e “The Rebound – Ricomincio dall’amore”.

Antonella Gullotti