Fastweb e la sfida del super internet

L’autunno è alle porte ma non siate tristi. Per un’abbronzatura che se va c’è un mare di offerte Internet che arriva. Tra le più attese troviamo sicuramente Fastweb Fibra 100, che promette di mettere a disposizione degli utenti i tanto agognati 100 Megabit. I dettagli tecnici della promozione parlano di 100 Mb/s in fase di download e 50 Mb/s in fase di upload.

L’operazione è stata confermata dal presidente della holding Swisscom, Carsten Schloter che, in un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Sole 24 ore”, ha fissato i punti principali del progetto. Per le nuove utenze la richiesta di sottoscrizione partirà da Lunedì 6 settembre 2010 ed al momento potrà essere avanzata da coloro che risiedono in zone soggette a copertura di fibra ottica: Milano, Torino, Genova, Bologna, Roma, Napoli e Bari. Seguirà successivamente un’estensione a tutto il territorio nazionale. I vecchi clienti invece dovranno attendere il mese di ottobre per aderire all’offerta. Fibra 100 si caratterizzerà come opzione aggiuntiva ai normali piani abbonamento attualmente in vigore.

Per disporne occorrerà pagare un’una tantum pari a 100 euro, a cui andrà sommato poi un fisso mensile di 15 euro, che scenderà a 10 in caso di adesione alla promozione “Per sempre”. Scegliendo ad esempio il piano tariffa “Navigacasa”, uno dei più semplici che prevede internet flat e telefonate a pagamento, si arriverà a pagare una cifra complessiva che si aggira intorno ai 50 euro. Con la possibilità di navigare ad una velocità mai raggiunta prima d’ora.

E’ evidente come il lancio di un prodotto di questo tipo accenderà ancora di più l’antica sfida, mai sopita, con il principale competitor dell’Azienda: Telecom Italia. Fastweb Fibra 100 andrà ad attaccare direttamente il segmento di mercato a cui si rivolgerà, almeno nelle intenzioni, anche l’attesa Alice Phibra. Costringendo addirittura la società Capitolina a rivedere i propri piani di lancio, che prevedevano una commercializzazione più morbida. Swisscom ha investito nell’operazione 80 milioni di euro, da spalmare nell’arco di 24 mesi. Quindi, internauti, preparate il mouse. La guerra all’internet super veloce sta per cominciare.

Katiuscia Provenzani