Cagliari, Cellino spietato: “Marchetti? La sta pagando”

Federico Marchetti, 27 anni

A Cagliari a tener banco è sempre il caso Federico Marchetti. Un portiere reduce dal mondiale in Sudafrica ed ora terzo della rosa alle spalle di Michael Agazzi e Ivan Pelizzoli. Una punizione. Niente di più semplice, banale e se vogliamo anche infantile e irritante. Quanto fatto dal presidente laziale Claudio Lotito lo scorso anno (Pandev e Ledesma messi fuori rosa per aver pubblicamente dichiarato di voler giocare in una squadra di prima fascia) ha fatto scuola. E’ toccato stavolta a Massimo Cellino, incluso di diritto nel club dei ‘vulcanici’, fare la parte del patron cattivo e perfido.

Cosa ha fatto Marchetti? E’ lo stesso Cellino a spiegarlo, in un’intervista rilasciata a Sky Sport 24: “Io sono preoccupato perchè non posso utilizzarlo nel Cagliari quest’anno essendo stato lui poco fortunato nell’esprimere i concetti durante un’intervista. Nel calcio queste stupidaggini le paghi, ti possono rovinare molte volte anche i momenti migliori. Lo considero sempre un grande portiere, ho affetto nei suoi confronti. In questo mercato non ha trovato una collocazione per una serie di circostanze sfavorevoli. C’è sempre il mercato di gennaio. Deve allenarsi positivamente, dimostrare a tutti quello che è perchè è un ragazzo eccezionale, un gran professionista. Ha creato problemi quest’anno un certo tipo di atteggiamento, diciamo, generale, sia alla società che a lui, è una cosa che non dobbiamo pagare tutti e due, dobbiamo trarne insegnamento e vantaggio da queste cose, tutti”. Parole ambigue, da interpretare. Quel che è certo è che tra Marchetti e il Cagliari si era creato un bel rapporto, improvvisamente lacerato per responsabilità collettive. Un guaio per il 27enne di Bassano del Grappa: due mesi fa azzurro, oggi dimenticato un po’ da tutti. Anche da Prandelli.

Alessio Nardo