Si ferma per soccorrere feriti: automobilista travolta da pirata della strada

Ancora una vittima causata da un pirata della strada, in un’estate da questo punto di vista già particolarmente drammatica. Dopo l’incidente di pochi giorni fa sul Grande Raccordo Anulare, il colpevole del quale, una donna italiana di cinquantuno anni, ha deciso di costituirsi, sono di nuovo le strade della provincia romana a dover assistere, impotenti, all’ennesima tragedia compiuta da automobilisti fuggiaschi.

Questa volta la vittima è una signora di 50 anni. La donna è stata investita e ferita a morte lungo l’autostrada A24, nell’hinterland romano, quando era scesa dalla propria auto per cercare di soccorrere alcune persone coinvolte in un altro incidente.

Nel momento in cui si è trovata con i piedi sulla carreggiata la cinquantenne, nata a Tivoli, è stata travolta da due veicoli che molto probabilmente sopraggiungevano a grande velocità. Il conducente di una delle due auto si è immediatamente dileguato, proseguendo la sua corsa nonostante l’impatto. L’altro si è invece fermato per prestare i necessari soccorsi.

L’incidente è avvenuto attorno alle 22 di ieri notte sulla Roma – L’Aquila, all’altezza del chilometro 10.500, in direzione l’Aquila. Si pensa che possa essere stato causato da condizioni di scarsa visibilità, causa oscurità, e dalla poca attenzione dei conducenti delle due vetture.

La cinquantenne, in gravissime condizioni, dopo l’impatto è stata soccorsa da altri automobilisti per poi essere condotta all’ospedale, dove è deceduta qualche ora dopo.

La polizia stradale, che è intervenuta sul posto, sta ora compiendo le necessarie indagini per risalire alle generalità del conducente dell’auto pirata: si sta controllando se alcune telecamere possano aver ripreso immagini che potrebbero rivelarsi utili per le ricerche.

Gianluca Bartalucci