Milano accende le luci sul “Vogue Fashion’s Night Out”

È stata una lunga notte quella appena trascorsa, Milano ha aperto le porte al Vogue Fashion’s Night Out, l’evento glamour organizzato dal famoso magazine in contemporanea (o quasi) con altri Paesi nel mondo.

Per l’occasione la città della moda è rimasta sveglia fino alle prime luci dell’alba trasformando le storiche vie in passerelle gremite non solo dai curiosi ma anche da grandi ospiti come Lapo Elkan, Giorgio Armani, Afef e tanti altri.

Come ogni evento che si rispetti, quello di Vogue ha saputo coccolare e stupire i suoi ospiti sia con l’esclusivo cocktail Orange Passion offerto da Campari, sia con le imperdibili limited edition proposte dai migliori stilisti solo per quella magica notte.

Bottega Venata ha esposto dieci limitatissime borse così come Etro, Dolce & Gababna hanno puntato sulle t-shirt, Borsalino ha realizzato un cappello esclusivo e Aspesi un’orologio.  Lapo Elkan invece ha presentato, presso il negozio della Diesel, il nuovo jeans Safado Independent mentre diciotto vetture modello Fiat 500 Twin Air si trasformavano in corner shop per vendere felpe e caschi per biciclette.

I riflettori erano tutti puntati sul quadrilatero della moda tra bicchieri di champagne e tacchi a spillo si muovevano esili modelle, vips ma anche “comuni mortali” attratti da quel lusso che, solo per quella notte, sembrava a portata di mano. Giorgio Armani posava sorridente accanto alle fashion victim in lacrime mentre Luca Argentero firmava autografi, tutto sotto gli occhi di statuarie modelle in carne ed ossa che Versace ha esposto nelle sue vetrine.

Ma non dimentichiamo l’aspetto benefico dell’evento: gran parte del ricavato sarà devoluto all’iniziativa “adotta un albero” che prevede di piantare circa 500 alberi sotto il cielo plumbeo (causa smog) di Milano.

?Valentina Bauccio