Serie A, Catania-Parma 2-1:decidono Mascara e Antenucci su rigore

Due rigori, uno certo, l’ altro, forse, un pò dubbio, decidono il risultato della partita disputatasi al Massimino ormai “trappola” per tutte le grandi squadre. Entrambe le formazioni partono bene ma dopo il rigore di Mascara domina un Parma che perde immeritatamente. I rossazzurri però, riescono a chiudere bene con un Andujar che compie diverse magie non di poco conto. A nulla serve la punizione al novantesimo della formica atomica benchè dia maggiore grinta alla formazione emiliana. Marino si fa espellere, anche se, l’ arbitro Tommasi ha disputato una buona gara effettuando delle decisioni che sono apparse assai consone.

PRIMO TEMPO- Primo quarto d’ ora di gara con un Catania propositivo e veloce; ritmo abbastanza bilanciato con ambedue le formazioni che si equivalgono. Al 3′ minuto veronica di Giovinco che però non riesce ad inquadrare lo specchio della porta. Parma che attacca costantemente contro un Catania che riesce ad evitare il peggio.

Al 12′ arriva la svolta: calcio di rigore per i rossazzurri per una trattenuta di Gobbi su Spolli; assegnazione oggettivamente giusta e rigore trasformato in gol da Giuseppe Mascara.

La formazione di Marino però continua ad attaccare; al 15′  cross di Marques per Zaccardo che non riesce a concretizzare; in questa fase del match l’ ex difensore del Palermo sta tentando davvero di tutto per segnare con grande volontà.

Al 18′ prima ammonizione del match: gomitata di Paci su Maxi Lopez. Arbitraggio più che corretto per tutto il primo tempo. Ancora Parma al 26′ con Paci che ci prova di testa: reazione pazzesca di Andujar! Tra il 26′ eil 27′  altre due ammonizioni per la formazione emiliana: Bojinov disturba Andujar in modo piuttosto stupido mentre Lucarelli,  rischiando anche il rosso, “placca” Maxi Lopez.

Al 33′ altro colpo di testa di Paci e altra magia del portiere argentino del Catania che blocca la palla senza troppi problemi. Il Parma cresce mentre il Catania sembra addormentarsi rischiando anche qualcosina di troppo.

Durante il 41′ altro giallo per gli emiliani: stavolta Valiani commette fallo su Ledesma.

La formazione etnea non crea più gioco negli ultimi minuti del primo tempo ma il Parma non riesce ad approfittarne. Sia Marino che Giampaolo, nonostante il risultato, devono necessariamente cambiare qualcosa.

SECONDO TEMPO- La seconda parte della gara si apre con un Parma spumeggiante che meriterebbe il pareggio. Subito al 51′ Zaccardo tira una gran botta ma, è doveroso ripetersi, Andujar fa un’ altra magia. Dopo appena quattro minuti al 55′ Valiani mette al centro  un cross che però Giovinco non riesce a trasformare.

Serve qualcosa alla formazione etnea, qualcosa per cambiare ritmo di gioco: durante il 57′ escono Ricchiuti ed Izco per far entrare Gomez e Carboni. Effettivamente i due cambi portano qualche cambiamento significativo benchè la squadra di Marino continua ad attaccare.

Al 58′ grande punizione di Giovinco che, però, prende il palo. Anche il tecnico della squadra emiliana decide di apportare delle modifiche alla squadra: fuori Bojinov e Gobbi, dentro Crespo e Candreva. Durante il 68′ prima ammonizione per i rossazzurri: fallo di Potenza su Giovinco che l’ aveva dribblato.

Al 72′ il neo-entrato Crespo non riesce ad arrivare su un cross di Valiani; ancora una volta grande tempismo di Andujar. Maxi Lopez viene sostituito da Antenucci al 78′ fischi per la scelta di Giampaolo, applausi per Maxi Lopez il quale, pur non segnando, effettua una prestazione più che buona.

Antenucci, dopo nemmeno un minuto, riesce a procurarsi un rigore assai dubbio ma che permette al Catania di andare sul 2 a 0. Primo gol, per lui, in serie A.

All’ 82′ forse per rabbia, forse per un rigore che di evidente non ha proprio nulla arriva l’ espulsione dell’ allenatore del Parma per un comportamento poco idoneo: calci a bottiglie e pugni alla panchina. Durante il 90′ la partita si riapre: punizione magistrale di Giovinco che sigla il 2 a 1.

A nulla però servono i quattro minuti di recupero concessi. Gli emiliani escono sconfitti immeritatamente bechè il calcio sia anche fatto di taluni eventi. Primi tre punti per gli etnei, che, comunque, hanno giocato una buona gara pur soffrendo.

IL TABELLINO

Catania-Parma

Catania (4-3-1-2): Andujar; Potenza, Silvestre, Spolli, Capuano; Izco(dal 57′ Carboni), Biagianti, Ledesma; Ricchiuti(dal 57′ Gomez); Maxi Lopez(dal 78′ Antenucci), Mascara. Riserve: Campagnolo, Terlizzi, Delvecchio, Alvarez. Allenatore: Marco Giampaolo

 Parma (4-3-3): Mirante; Zaccardo, Paci, Lucarelli, Antonelli; Valiani, Morrone, Gobbi(dal 61′ Candreva); Giovinco, Bojinov(dal 61′ Crespo), Marques. Riserve: Pavarini, Pisano, Dezemaili, Paletta, Dellafiore. Allenatore: Pasquale Marino

 

Marcatori: Mascara (CAT; al 12′ su rigore), Antenucci(CAT; su rigore all’ 80′), Giovinco(PAR; al 90′)

Ammoniti: Valiani(PAR), Bojinov(PAR), Paci(PAR), Potenza(CAT), Antonelli(PAR)

Espulsi: Lucarelli(PAR), Pasquale Marino(PAR; per comportamento non idoneo)

Terna arbitrale: Tommasi- De Luca- Giallatini

 

Santi Leotta