Crisi Grecia, la promessa di Papandreou: “Ridurremo il deficit”

“Rispetteremo l’obiettivo di ridurre il deficit all’8,1% del Pil entro la fine dell’anno”. E’ quanto dichiarato oggi dal premier ellenico Giorgio Papandreou, nel corso di una conferenza stampa tenutasi a Salonicco. Il primo ministro greco, pur ammettendo che ci sono problemi contingenti che hanno portato al rallentamento della decrescita del deficit, ha, comunque, assicurato che lo stesso diminuirà del 40% entro la fine del 2010.

I dati ufficiali provvisori resi noti i giorni scorsi hanno evidenziato, in agosto, una contrazione delle entrate a causa della recessione e un accumulo di pagamenti degli interessi del debito, quello che ha provocato, appunto, un rallentamento nella riduzione del deficit.

Lo stesso Papandreou, escludendo l’ipotesi di una ristrutturazione del debito, ha, inoltre, assicurato che tutti gli sforzi del Governo sono volti a scongiurare la logica della bancarotta, che rappresenterebbe un vero disastro per l’intero Paese.

Mauro Sedda