Miss Italia 2010, Alessia Mancini, i trans

Alessia Mancini, Miss Lazio 2010

L’edizione di quest’anno di Miss Italia si tinge di giallo. Da giorni ormai non si parla d’altro che della presunta trans che parteciperebbe al concorso. Prima solo indiscrezioni, poi è stato fatto un nome preciso, quello di Alessia Mancini.

La donna, a causa delle tante pressioni subite dai mass media e, immaginiamo, del vociferare delle colleghe, non ha retto ed è scoppiata in lacrime durante la diretta tv: tutto fin troppo prevedibile.

Ad ogni modo, c’è da credere che le polemiche non finiranno proprio qui. Le cose sono due: o questa voce falsa è stata diffusa per fare pubblicità a Miss Lazio, oppure si tratta di una cattiveria messa in giro non si sa come, oppure ancora è tutto vero.

Veniamo al punto: è vero o no? Per scoprirlo non ci vuole moltissimo. Anzi, un semplice lavoro giornalistico potrebbe riportarci alla verità nel giro di pochissimo, eppure non è successo. Noi non possiamo fare altro che attenerci, per ora, a  quanto detto da Miss Lazio. Che, dunque, piuttosto che piangere, avrebbe fatto meglio a ridere dell’intera vicenda. Già, cos’altro si può fare? Se tutto è stato inventato è una situazione assolutamente ridicola e paradossale, che qualcuno potrebbe avere costruito ad hoc, per portare pubblicità alla ragazza stessa o al programma.

D’altronde, si sa, che quando si mischiano spettacolo e temi legati al sesso in senso ampio, il ritorno in termini di audience è praticamente garantito. Il caso Marrazzo fu seguitissimo sui vari talk show. Molto si parlò di Belli, il trans della casa del Grande Fratello. Che dire del portavoce dell’allora presidente del consiglio Prodi? I trans fanno ancora notizia. Sia che si tratti di veri trans, che di presunti tali. Per lo spettacolo, poco importa.

G. M.